CORONAVIRUS

Coronavirus, primo morto in Piemonte: ultra ottantenne con patologie pregresse. I casi sono 81, 13 in terapie intensiva

Mercoledì 4 Marzo 2020
Coronavirus, primo morto in Piemonte: ultra ottantenne con patologie pregresse

C'è il primo morto in Piemonte per coronavirus. Si tratta di una persona ultra ottantenne ricoverata nell'ospedale di Tortona, nell'Alessandrino. L'anziano era affetto da pluri patologie ed era risultato positivo al test 'Covid 19'. Ora sono in corso accertamenti per verificare se a causare il decesso sia stato il virus oppure no.

LEGGI ANCHE --> Coronavirus, fermato treno per una donna che si sente male: passeggeri costretti a scendere

Sono 81 i casi risultati positivi al coronavirus Covid 19, in Piemonte: 41 in provincia di Asti, 15 nell'Alessandrino, 11 in provincia di Torino, 5 nel Verbano Cusio Ossola, 3 in provincia di Novara e 3 nel Vercellese. Tra gli 81 positivi rientrano anche 3 casi di pazienti provenienti da altre regioni, trattati in Piemonte. Lo comunica una nota della Regione Piemonte.  Venticinque persone sono tuttora ricoverate in ospedale. Di questi, 19 sono ospitati in reparti di malattie infettive: 6 ad Asti, 4 a Novara, 5 all'Amedeo di Savoia di Torino, 2 ad Alessandria, 2 a Vercelli.

Altri 13 pazienti sono ricoverati in terapia intensiva. Finora sono 514 i tamponi eseguiti in Piemonte, 407 dei quali risultati negativi.  Dall'Istituto Superiore di Sanità è stato al momento confermato un solo caso, sugli 81 complessivi. Per gli altri si attende ancora il responso dello stesso Istituto. È stato riaperto in mattinata, dopo essere stato opportunamente sanificato nelle zone a rischio, il Pronto soccorso dell'ospedale San Luigi di Orbassano, a causa del passaggio di un paziente individuato come «caso sospetto» e risultato poi positivo al test sul Covid19. Non ha interrotto l'attività, invece, il Pronto soccorso delle Molinette di Torino, dove è stato gestito secondo i protocolli un caso sospetto, risultato poi positivo al test. In via precauzionale, alcuni operatori sanitari stati messi in isolamento fiduciario domiciliare. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA