Coronavirus, diretta: in Italia 2.041 casi, 52 morti, 149 guariti, 2 in zona rossa. Oms: virus contenibile. Primo caso in Basilicata

Coronavirus, Oms: virus contenibile. Primo caso in Molise. Italia, pronte 80 caserme. Azione Ue
21 Minuti di Lettura
Lunedì 2 Marzo 2020, 07:29 - Ultimo aggiornamento: 3 Marzo, 08:50

Il bilancio dei casi di Coronavirus continua a crescere in Italia: sono 2.041, 258 in più rispetto a ieri. Il 50% asintomatico, il 40 ricoverato con sintomi e il 10% in rianimazione. I morti sono 52 (18 solo oggi). La Lombardia resta la regione più colpita con oltre 1.000 positivi. Poi arriva l'Emilia e dopo il Veneto. Le persone guarite sono 149 (66 oggi). Oggi si è registrata la prima vittima nelle Marche e i primi casi di contagio in Sardegna e in Molise, oltre a nuovi casi in Puglia e a Roma. Pronti 6.600 posti letto in 80 caserme da utilizzare in caso di emergenza nazionale. L'Ue ha varato una Task Force avvertendo che i rischi per i paesi membri sono in aumento. L'Oms rassicura: «Non è ancora pandemia, il virus si può contenere».

LEGGI ANCHE Coronavirus, scuole chiuse anche nel Casertano e a Pomezia: l'elenco aggiornato

Matterella firma il decreto-legge. Il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha firmato il decreto-legge ed il relativo disegno di legge di conversione sulle 'Misure urgenti di sostegno per famiglie, lavoratori e imprese connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-2019'. Il decreto è stato adottato ieri dal premier Giuseppe Conte. 

Primo caso in Basilicata. Primo caso di infezione da coronavirus in Basilicata: è un uomo di 46 anni, «proveniente dalla Lombardia», che vive a Trecchina (Potenza). Lo ha annunciato il presidente della Regione Basilicata, Vito Bardi. L'uomo «non presenta nessun sintomo grave» ed è nella sua casa, assistito e seguito dai medici.

Trentino, una donna positiva. Primo caso di Coronavirus in Trentino. Si tratta di una donna di 83 anni di Trento, la prima persona residente contagiata dal Covid-19, dopo i casi dei quattro turisti lombardi trovati positivi al tampone la scorsa settimana: una famiglia di tre persone in vacanza a Fai della Paganella ed una donna in villeggiatura a Dimaro. Per questi quattro casi era stato accertato che il contagio fosse avvenuto prima del loro arrivo in Trentino, mentre ora si tratta della prima persona del posto ad essersi ammalata. Il caso è stato reso noto in serata in una conferenza stampa dal presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti ed dirigenti sanitari Paolo Bordon e Antonio Ferro.

Roma, allievo vigile del fuoco allo Spallanzani. «L'allievo Vigile del Fuoco proveniente da Piacenza e risultato positivo al COVID-19 è stato trasferito dalla scuola di Capannelle all'Istituto Spallanzani di Roma». Lo dichiara l'Assessore alla Sanità e l'Integrazione Sociosanitaria della Regione Lazio, Alessio D'Amato.

Tor Vergata, richiamate 98 persone. Richiamate 98 persone al pronto soccorso di Tor Vergata per un possibile contatto con il poliziotto contagiato. Questo il comunicato del Ministero della Salute - Regione Lazio - Spallanzani: a seguito dell'indagine epidemiologica svolta dalla direzione sanitaria dal Policlinico di Tor Vergata e dal SERESMI sono state richiamate 98 persone che hanno avuto accesso al pronto soccorso di Tor Vergata nei giorni 26 e 27 febbraio e che sono potenzialmente venuti a contatto con l'agente di polizia che si era recato al pronto soccorso e ora ricoverato all'Istituto Spallanzani.

Coronavirus, richiamate 98 persone al pronto soccorso di Tor Vergata: possibile contatto con il poliziotto contagiato

Cremona, donna positiva ricoverata allo Spallanzani. Una donna di Cremona è risultata positiva al coronavirus ed è stata ricoverata in isolamento presso l'istituto Spallanzani. Lo rende noto l'assessorato alla Salute della Regione Lazio sui suoi profili social. La donna - a quanto reso noto - si trovava in visita ai parenti e si è recata presso il pronto soccorso di Formia da dove poi è stata trasferita allo Spallanzani. È in corso l'indagine epidemiologica per individuare i contatti stretti della donna. 

Il bilancio in Italia. A oggi in Lombardia il totale dei positivi è di 1254, sono ricoverate 478 persone a cui vanno aggiunte 127 persone in terapia intensiva. I positivi asintomatici sono 472 e i decessi sono saliti a 38. Le persone decedute sono tutte persone di età tra i 92, 81, 86, 88, 94 anni, sono tutte persone con patologie correlate. Per quanto riguarda la distribuzione per province della Lombardia dei casi positivi di coronavirus, l'assessore Galleria ha spiegato che ce ne sono 384 a Lodi, 243 a Bergamo, 223 a Cremona, 83 a Pavia, 58 a Milano e provincia , 3 a Sondrio, 4 a Varese, 3 a Lecco, 60 a Brescia. I casi in via di verifica, invece, sono 178. Due pazienti della zona rossa della Lombardia sono stati dimessi dall'Ospedale Sacco di Milano e messe a domicilio in attesa che l'ultimo tampone diventi negativo.

Salgono a 335 i casi in Emilia-Romagna. In particolare 212 a Piacenza, 61 a Parma, 8 a Reggio Emilia, 29 a Modena, 3 a Bologna, 1 a Forlì-Cesena, 2 a Ravenna e 19 a Rimini. Rispetto a ieri ci sono 3 nuovi decessi, che portano a 11 il numero complessivo di quelli avvenuti in regione. Si tratta di un paziente di 89 anni, di San Marino, deceduto all'ospedale di Rimini, dove era ricoverato, che presentava gravi patologie preesistenti. Poi una signora di 95 anni deceduta all'ospedale di Piacenza, per la quale sono in corso accertamenti sul quadro clinico pregresso e infine un bergamasco di 62 anni, morto all'ospedale di Parma, già ricoverato in medicina d'urgenza. Anche per quest'ultimo paziente sono in corso gli accertamenti su possibili patologie preesistenti.

LEGGI ANCHE Coronavirus, bimbo al varco della zona rossa con un disegnino: il suo gesto commuove i carabinieri

Oms: virus si può contenere, non è ancora pandemia. «Contenere il Covid19 è fattibile e deve rimanere la massima priorità per tutti i paesi. Con misure precoci e aggressive, possono interrompere la trasmissione». Lo ha detto il direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità, Tedros Adhanom Ghebreyesus. «Stiamo monitorando la situazione ogni momento di ogni giorno e analizzando i dati - ha aggiunto -. L'Oms non esiterà a descrivere questo coronavirus come una pandemia se questo è ciò che i dati suggeriranno».

Fmi e Banca Mondiale: pronti ad aiutare. Il Fondo monetario internazionale e la Banca Mondiale sono pronti ad aiutare gli stati membri alle prese con il coronavirus. In un comunicato congiunto, i due istituti di Washington affermano di essere pronti a usare tutti gli strumenti a loro disposizione in modo rapido.

Italia, 6.000 posti letto in 80 caserme. Nel caso fosse necessario reperire strutture per fronteggiare l'emergenza coronavirus, sono già disponibili circa 80 caserme, per un totale di 6.600 posti letto. Le strutture, secondo quando apprende l'Ansa, sono state messe a disposizione su tutto il territorio nazionale dalla Difesa dopo una verifica delle disponibilità da parte del Comando operativo di vertice interforze.

LEGGI ANCHE Coronavirus, 12 casi a Roma: 7 ricoveri allo Spallanzani. Positivi 4 familiari del poliziotto di Spinaceto

Sono 9 i casi accertati di coronavirus nella Repubblica di San Marino. Tra questi rientra anche un 88enne morto nel pomeriggio di ieri nel reparto di malattie infettive dell'ospedale 'Infermì di Rimini dove era ricoverato dal 25 febbraio a causa delle sue compromesse condizioni di salute. È quanto emerge dai dati aggiornati del Gruppo di coordinamento per le emergenze sanitarie del Titano in base ai quali sale a 80 il numero delle persone in quarantena domiciliare. Degli 8 pazienti colpiti dal virus, 3 si trovano nella nuova nuova ala predisposta all'Ospedale di Stato e uno in isolamento in terapia intensiva mentre quattro si trovano a casa. Questi - ha spiegato in mattinata nel corso di una conferenza stampa, il segretario di Stato alla Sanità, Roberto Ciavatta, «sono in condizioni stabili, in alcuni casi buone o molto buone». Sono invece 29 i tamponi effettuati, dei quali 17 negativi e 3 in attesa di conferma.

Sei casi in India, anche un italiano. Un italiano atterrato all'aeroporto di Jaipur il 29 febbraio è stato messo in isolamento in un padiglione dell'ospedale Sms della città dopo essere risultato positivo al test di coronavirus. I media sono stati informati dal ministro alla Salute del Rajasthan, Raghu Sharmache, che ha detto che al primo controllo il paziente era risultato negativo, ma positivo ad una seconda verifica. Il ministro ha spiegato che i test sono stati inviati a un laboratorio a Pune. Salgono così a 6 i casi confermati in India. 

Roma, riapre San Luigi dei Francesi.  «Ogni rischio di eventuale di contagio da parte di un sacerdote della chiesa San Luigi dei Francesi è stato escluso da parte dei servizi del sistema regionale ASL Roma 1. Conformemente alle direttive le misure precauzionali nei confronti dei sacerdoti della comunità sono state revocate. La chiesa di San Luigi dei Francesi riaprirà mercoledì al pubblico»,comunica online l'Ambasciata di Francia presso la Santa Sede.

LEGGI ANCHE Coronavirus, primo caso in Sardegna

Sequenziati i genomi del virus. L'Istituto superiore di sanità (Iss) e il Dipartimento Scientifico del Policlinico Militare Celio di Roma hanno sequenziato gli interi genomi del virus SarS-Cov-2 isolati dal paziente cinese e dal paziente lombardo (il paziente uno di Codogno, ndr). Presto sarà disponibile anche la sequenza di un paziente veneto. Il sequenziamento, rende noto l'Iss, ha ha implicazioni importanti: permette di conoscere l'intero codice genetico del virus e di seguirne i cambiamenti nel tempo e nello spazio. Ciò è utile per conoscere e seguire i focolai e per investigare la struttura del virus stesso. A una prima analisi si evidenzia una stretta somiglianza tra il ceppo virale del paziente cinese ricoverato a Roma e il ceppo virale cinese di riferimento di Wuhan, evidenziando l'origine cinese del virus. Il ceppo virale cosiddetto «lombardo», così come alcuni ceppi isolati in altri paesi europei, presenta una elevata similitudine con il virus di Wuhan, dal quale si distingue per alcune mutazioni che non dovrebbero comunque configurare diverse caratteristiche del virus. Altre analisi sono tutt'ora in corso per validare questi risultati preliminari e seguire eventuali cambiamenti nonché la diffusione del SarS-Cov-2. Si prevede, a breve, di fornire anche la sequenza completa di un ceppo virale isolato in Veneto al fine di valutare correlazioni o differenze geografiche. Le intere sequenze dei genomi virali realizzati nei laboratori Iss e Policlinico Militare Celio sono a disposizione della comunità scientifica.

L'Onu stanzia 15 miliardi di dollari. Il capo degli affari umanitari dell'Onu, Mark Lowcock, ha svincolato oggi 15 milioni di dollari dal Central Emergency Response Fund (Cerf) per contribuire a finanziare gli sforzi globali per contenere il coronavirus. Lo comunica il Palazzo di Vetro. Il finanziamento è stato erogato a Oms e Unicef per attività essenziali tra cui il monitoraggio della diffusione del virus, lo studio dei casi e il funzionamento dei laboratori nazionali. «Non abbiamo ancora prove che il virus si stia diffondendo liberamente - ha detto Lowcock - Finché è così abbiamo la possibilità di contenerlo, ma devono essere intraprese azioni rapide per rilevare precocemente i casi, isolare e curare i pazienti e tracciare i contatti». «Dobbiamo agire ora per impedire a questo virus di mettere a rischio più vite», ha aggiunto.

Crema, ospedale ai limiti della criticità. «Attualmente, nonostante lo straordinario impegno e il sacrificio di tutto il personale, la situazione» all'Ospedale Maggiore di Crema (Cremona) «appare ai limiti della criticità, in considerazione delle continue richieste di intervento per pazienti compromessi, che necessitano di assistenza ventilatoria e ricovero in Terapia Intensiva», ha dichiarato in un comunicato la Asst di Crema, sottolineando che nonostante le difficoltà «si è riusciti a tutt'oggi a garantire un elevato livello di assistenza». 

Cina, primo caso di contagio dall'Italia. La provincia cinese orientale dello Zhejiang segna il primo caso di «contagio di ritorno» del coronavirus dall'Italia, dopo quelli quasi tutti legati all'Iran di Pechino, del Guangdong e della regione autonoma Ningxia Hui. La commissione sanitaria locale, scrive il Global Times, ha riferito che la positività ai test è maturata ieri: Wang, questo il cognome della donna di 31 anni, era rientrata da Milano a Qingtian, contea della Zhejiang, il 28 febbraio. La paziente ha preso medicine dal 16 febbraio ai primi sintomi di febbre, tosse e diarrea.

Cina, 18 province hanno ridotto l'allerta. Sono 18 le province che in Cina hanno finora ridotto il grado di allerta per l'epidemia di coronavirus: lo Zhejiang è l'ultima, secondo i media locali, ad aver annunciato oggi la modifica. Sono misure, caldeggiate dal presidente Xi Jinping, che puntano a far ritornare l'operatività nei settori industriali e produttivi dopo il blocco deciso per frenare il contagio. Ad esempio, l'Ufficio economico e It di Shanghai ha spiegato che il 66% della attività registrate ha ripreso a funzionare.

Turchia: quarantena per chi arriva dall'Italia. Chiunque sia giunto negli ultimi 14 giorni in Turchia dall'Italia è invitato a informarne le autorità locali per i relativi controlli sanitari e a trascorrere in isolamento in casa il periodo in attesa dei risultati, ha detto il ministro della Salute di Ankara, Fahrettin Koca. Stesse misure per chi fosse arrivato da Cina, Iran, Iraq e Corea del Sud. Nei giorni scorsi Ankara aveva sospeso i collegamenti aerei da questi stessi Paesi.

Agenzia Ue alza l'allerta, rischio alto. L'agenzia Ue del Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie (Ecdc) ha annunciato oggi che il livello di rischio del coronavirus è aumentato, da moderato ad 'alto': «In altre parole questo significa che il virus sta continuando a diffondersi». Lo ha detto la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, presentando il 'Corona response team', una task force con cinque commissari Ue per affrontare i vari aspetti del coronavirus. 

Task force Ue. La task force per affrontare l'emergenza del coronavirus lavorerà su tre pilastri principali. Il primo è quello del settore medico, che copre la prevenzione e l'approvvigionamento di misure di soccorso, l'informazione e la programmazione strategica. Nell'ambito di questo pilastro, la commissione lavorerà in stretta collaborazione con il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie e l'Agenzia europea per i medicinali. Il secondo pilastro riguarda la mobilità e più in particolare i trasporti, passando dai consigli di viaggio alle questioni relative a Schengen. Il terzo pilastro copre l'economia e riguarda in modo approfondito diversi settori di attività, come il turismo o i trasporti, il commercio, ma anche la macroeconomia. Oggi inoltre la Commissione Ue ha lanciato una pagina web dedicata sul Covid-19 che fornisce informazioni sulle attività chiave nell'ambito della medicina, protezione civile, mobilità, economia e statistiche, nonché collegamenti ai siti web dedicati degli Stati membri, studi più recenti e altre informazioni pertinenti. La Commissione ha inoltre avviato una procedura di appalto congiunta accelerata per i dispositivi di protezione individuale con 20 Stati membri, con gare d'appalto inviate a un numero di società selezionate identificate mediante un'analisi di mercato. Faciliterà l'accesso ai dispositivi di protezione individuale per gli Stati membri per ridurre al minimo possibili e potenziali carenze. La firma del contratto dovrebbe essere finalizzata a inizio aprile. Domani la vicepresidente della Commissione Ue Vera Jourova (con delega per la Trasparenza) incontrerà i rappresentanti delle piattaforme online per discutere della questione relative alla disinformazione nel contesto dell'epidemia di Covid-19 e si valuterà come agire in relazione ai rischi di disinformazione.

Altro paziente positivo allo Spallanzani. «È ricoverato un ulteriore caso positivo con un link epidemiologico veneto». È quanto emerge dal bollettino di oggi dello Spallannzani. I casi positivi ricoverati attualmente nell'istituto per le malattie infettive di Roma - ha reso noto l'ospedale - sono 7 inclusi la coppia cinese ormai guarita.

Un agente di Polizia di Stato, positivo al test per il nuovo Coronavirus, con un link epidemiologico lombardo, un nucleo familiare, composto da madre, padre e figlia, residenti a Fiumicino anche loro con link epidemiologico lombardo. Un paziente ricoverato venuto in contatto col focolaio Veneto. E la coppia cinese ormai guarita. Questi stando al bollettino dello Spallanzani sono i sette ricoverati positivi. «Tutti i ricoverati sono in condizioni cliniche che non destano preoccupazioni ad eccezione di un caso che presenta una polmonite interstiziale bilaterale in terapia antivirale», precisa il bollettino.

Positivo assessore Regione Lombardia, test per tutta la giunta. L'assessore allo Sviluppo economico della Regione Lombardia, Alessandro Mattinzoli, «è risultato positivo al Coronavirus». Lo rende noto la Regione Lombardia. «Pertanto, come previsto per gli operatori dei servizi essenziali di pubblica utilità, tutta la Giunta si sottoporrà ai test di accertamento», spiega ancora la nota firmata dall'assessore al Welfare, Giulio Gallera. «Una volta ottenuti gli esiti, attiveremo le procedure previste dai protocolli di Regione Lombardia, condivise con il ministero della Salute e l'Istituto superiore di sanità per i contatti diretti», aggiunge l'assessore.

Riapre, pur tra numerose cautele, il Duomo di Milano. Le porte secondarie sono state aperte alle 8 «per una breve preghiera» mentre ai fedeli che vorranno visitare la cattedrale, i quali entreranno in numero contingentato per evitare assembramenti, in base al Decreto della Presidenza del Consiglio, l'accesso sarà consentito dalle 9. La navata centrale è transennata all'ingresso principale ma - è stato spiegato - in quanto non ci sono messe, ed è comunque visitabile entrando dalle porte laterali.

Due casi in Florida: dichiarato stato d'emergenza. Lo stato della Florida ha dichiarato lo stato di emergenza sanitaria dopo che sono stati rilevati i primi due casi di coronavirus. Si tratta di due persone tra cui - spiegano le autorità locali - una che ha viaggiato in Italia.

Il Portogallo registra i primi due casi di coronavirus. Lo riferisce la tv Sic specificando che in un caso si tratta di un uomo che era stato di recente in Italia, l'altro rientrava dalla Spagna. Entrambi sono stati ricoverati a Porto. Al momento non è arrivata conferma da parte del ministero della Salute portoghese.

Moto Gp, coronavirus, dopo il Qatar rinviato anche il Gran Premio della Thailandia
Coronavirus, mariti, mogli e e figli sparsi per l'Europa: così il morbo divide anche le famiglie

A causa dell'emergenza Coronavirus Lufthansa «ridurrà la capacità dei voli verso l'Italia». Lo scrive Bloomberg spiegando che la decisione coinvolge i voli verso Milano, Venezia, Roma, Torino, Verona, Bologna, Ancona e Pisa. Lufthansa estende la sospensione dei voli verso la Cina continentale fino al 24 aprile e verso Teheran fino al 30 aprile.

Cortina, posti in funivia ridotti da 50 a 15. Sono state immediatamente applicate da stamani a Cortina D'Ampezzo le norme del nuovo Dpcm sul Coronavirus, che impongono di diminuire l'assembramento negli impianti chiusi di risalita. Nelle cabine della funivia che porta al monte Faloria, la capienza massima è stata oggi portata da 50 a 15 persone, aumentando la velocità delle corse. «Siamo partiti già da stanotte - ha detto all'ANSA il presidente di Funivie Faloria, Enrico Ghezze - con cartelli segnaletici alle stazioni di entrata, quindi abbiamo dato istruzioni a vetturini e agenti di stazione per cui siamo già attivi. Anche i carabinieri sono passati per vedere se tutto andava bene». L'impianto non sembra comunque risentire delle misure: «In generale aumenta l'abitabilità e la comodità nelle cabine - ha notato Ghezze - e abbiamo aumentato la velocità dei viaggi, per compensare. Già con il primo decreto avevamo ridotto comunque la capienza da 50 a 35 persone per cabina. Per arrivare in cima, comunque c'è anche la seggiovia di Rio Gere». Le preoccupazioni maggiori, secondo Ghezze «sono dovute più al maltempo. Oggi nevica, ieri il tempo è stato brutto, e quindi l'afflusso è diminuito più per motivi meteorologici che altro. Finora la stagione è andata benissimo fino a tutto febbraio. questa settimana va ancora bene, ma dalla prossima c'è qualche disdetta. Eppure la neve è fantastica, basti pensare - ha concluso - che sul Faloria abbiamo 140 centimetri di neve battuta, in condizioni stupende».

Primo caso di coronavirus a Cagliari. Lo fa sapere la Regione. Il paziente, ricoverato in un ospedale cittadino, è risultato positivo al tampone, che ora verrà inviato all'Istituto Superiore di Sanità. L'unità di crisi regionale ha attivato i protocolli nazionali e regionali per porre sotto sorveglianza attiva le persone entrate in contatto col paziente.

Una persona residente a Udine è risultata positiva nel corso della notte al test per il coronavirus. Lo ha reso noto il vice governatore con delega alla Salute e alla Protezione civile del Friuli Venezia Giulia nel corso della riunione del Comitato operativo riunitosi nella sede della Protezione civile Fvg di Palmanova. L'interessato è stato preso in carico dal Sistema sanitario regionale ed, essendo le sue condizioni di salute state dichiarate non gravi, si trova in quarantena domiciliare. Ammontano quindi a nove i casi in regione (quattro a Udine, tre a Trieste e due a Gorizia).

Le morti nel mondo causate dal nuovo coronavirus hanno superato le 3.000 unità, fino a raggiungere quota 3.038, con l'infezione estesa ormai a 65 Paesi: il dato è maturato ufficialmente oggi con i 42 decessi emersi dagli aggiornamenti forniti dalla Commissione sanitaria nazionale (Nhc) cinese, che hanno portato il totale in Cina a 2.912. Oltre ai 42 nuovi morti relativi al conteggio aggiornato a domenica, tutti relativi all'Hubei che è la provincia epicentro, l'Nhc ha reso noto 202 altri contagi certi (solo sei fuori dall'Hubei) e 141 casi sospetti.

Coronavirus, Luis Sepúlveda contagiato: quando lo scrittore finisce in trincea

Sono 2.837 le persone guarite e dimesse dagli ospedali, mentre i casi gravi sono diminuiti di 255 unità, a quota 7.110. Le infezioni nel Paese sono salite a 80.026, di cui 32.652 ancora sotto trattamento, 44.462 risolte con la guarigione e 2.912 decessi. La Commissione ha spiegato che 46.219 persone sono ancora sotto stretta osservazione medica, dopo che domenica 8.154 soto state dichiarate non contagiate. Nell'Hubei i contagi complessivi sono saliti a 67.103 e i decessi a 2.803: nel capoluogo Wuhan, invece, i dati sono pari, rispettivamente, a 49.315 e a 2.227.

Cina, calano i contagi a Wuhan: chiude il primo ospedale per l'emergenza. La città di Wuhan, il focolaio del nuovo coronavirus, ha chiuso il primo dei 16 ospedali messi a punto d'urgenza dopo lo scoppio dell'epidemia. La decisione è maturata grazie al drastico calo dei nuovi casi di infezione, ha riferito il network statale Cctv, ma solo dopo aver dimesso gli ultimi pazienti guariti. La provincia dell'Hubei, di cui Wuhan è capoluogo, ha registrato ieri appena 196 casi di contagi, per la prima volta sotto quota 200 dal 24 gennaio.

L'Algeria conferma due nuovi casi di coronavirus. Stando alle notizie del ministero della Sanità di Algeri, riportate da Entv, si tratta di una donna di 53 anni e della figlia 24enne. I due nuovi casi si registrano nella zona di Blida. Le due donne sono state messe in quarantena. Il 25 febbraio il governo algerino ha confermato il primo caso di coronavirus nel Paese che riguarda un dipendente italiano dell'Eni risultato positivo al tampone per il Covid-19.

Primo caso di contagio a New York. L'uomo che è morto sabato aveva 70 anni ed era «condizioni di salute scarse», secondo l'ufficio di sanità pubblica nella contea di King, la più popolosa dello stato e sede di Seattle, città di oltre 700.000 abitanti. Sulla costa opposta, New York ha confermato il suo primo caso di positività. «La paziente, una donna di circa 30 anni, ha contratto il virus mentre viaggiava in Iran ed è attualmente isolata nella sua casa», ha detto ieri sera il governatore Andrew Cuomo, aggiungendo che la paziente «non è in gravi condizioni ed è in una situazione controllata da quando è arrivata a New York». Confermato negli Stati Uniti il secondo decesso legato al coronavirus, sempre nello stato di Washington. Lo rendono noto oggi fonti della Sanità americana, aggiungendo che si registra anche il primo caso di contagio a New York.
 

Completato sbarco Diamond Princess, ultimo è comandante Gennaro Arma. È stato completato lo sbarco di tutti i passeggeri e membri dell'equipaggio ancora a bordo della Diamond Princess a Yokohama in Giappone. Un gruppo di 69 passeggeri indonesiani hanno fatto ritorno in patria con un aereo charter e saranno tenuti in osservazione nei pressi di Jakarta. Altri saranno trasferiti su disposizione del ministero della Salute giapponese in strutture ospedaliere per una quarantena precauzionale. Tra le persone sbarcate anche il comandante italiano della nave, Gennaro Arma.

Altri morti in Iran. Altre 12 persone che avevano contratto il coronavirus (Covid-19) sono morte tra ieri e oggi in Iran, portando il totale delle vittime confermate a 66. I nuovi casi registrati sono 523. I contagiati complessivi diventano così 1.501. Lo ha riferito il viceministro della Salute di Teheran, Alireza Raissi.

L'Uzbekistan Airways ha sospeso i voli per Tokyo e Roma dal 1 marzo a causa dell'epidemia di coronavirus in Giappone e in Italia. «L'Uzbekistan Airways sospende temporaneamente i voli regolari per Tokyo e Roma il 1ø marzo a causa dello scoppio del coronavirus in Giappone e in Italia», ha dichiarato la compagnia aerea in un comunicato. Tutti coloro che arrivano da paesi che hanno registrato casi di coronavirus saranno messi in quarantena per 14 giorni. Come riportato domenica, i voli regolari per Seul saranno temporaneamente sospesi nella stessa data. Lo riporta Interfax.

La Nike chiude il quartier generale in Europa, in Olanda, per due giorni, dopo che un dipendente è risultato positivo al coronavirus. Lo riferisce il Guardian, riprendendo l'agenzia olandese Anp. Gli uffici, che si trovano a Hilversum, saranno sottoposti ad una disinfestazione tra oggi e domani, mentre l'impiegato resterà in isolamento a casa per 14 giorni. Nella sede olandese del colosso americano di abbigliamento sportivo lavorano circa duemila persone provenienti da 80 paesi. In Olanda finora le autorità hanno riportato dieci casi di contagio da coronavirus.

L'Indonesia ha riportato oggi i suoi due primi casi confermati di coronavirus. Una donna di 64 anni e sua figlia di 31 sono risultate positive ai test in un ospedale di Giacarta, ha dichiarato il ministro della Salute indonesiano Terawan Agus Putranto. «Entrambe sono in buone condizioni e non hanno gravi difficoltà respiratorie», ha detto Terawan. Le due potrebbero essere state in stretto contatto con un cittadino giapponese che è risultato positivo dopo essere tornato nella vicina Malesia.

L'Australia ha rafforzato gli avvisi di viaggio verso l'Italia, consigliando di esercitare un alto grado di cautela attraverso tutto il paese, «dato il rischio accresciuto di trasmissione locale sostenuta di coronavirus (COVID-19)». E consiglia in particolare di «riconsiderare la necessità di recarsi in 10 piccole città in Lombardia e una in Veneto che sono state isolate dalle autorità italiane». Il governo di Canberra ha inoltre annunciato il divieto all'entrata degli stranieri provenienti dall'Iran, che dovranno trascorrere due settimane in un paese terzo prima di essere autorizzati ad entrare in Australia, mentre i cittadini australiani e i residenti permanenti dovranno isolarsi per due settimane dopo il ritorno dall'Iran. L«Australia ha finora registrato 27 casi confermati di contagio e ha confermato la prima vittima del virus entro i suoi confini: è morto domenica in un ospedale di Perth un uomo di 79 anni evacuato dalla nave di crociera infestata dal virus e rimasta a lungo attraccata in Giappone, la Diamond Princess. La moglie di 79 anni, anch'essa contagiata durante la crociera, resta ricoverata nello stesso ospedale in condizioni stabili.

La Corea del Sud ha registrato altri 476 casi di infezioni dovute al nuovo coronavirus e quattro decessi aggiuntivi: lo riferisce il Korea Centers for Disease Control and Prevention (Kcdc), secondo cui i contagi accertati nel Paese sono nel complesso 4.212 e il numero dei morti è salito a 22.

Coronavirus, in Italia stessi contagi della Cina: musei e chiese aperti ma persone a distanza
Coronavirus, il piano di emergenza: terapie intensive raddoppiate. «E riaprire gli ospedali chiusi»
Coronavirus, a Fiumicino negativi i test effettuati ma la 38enne violò l’auto-isolamento

© RIPRODUZIONE RISERVATA