CORONAVIRUS

Coronavirus, Milano, positivi due giudici del tribunale, rinviate tutte le udienze civili non urgenti

Martedì 3 Marzo 2020
1

Stanno bene i due giudici di Milano risultati positivi al coronavirus e ricoverati all'ospedale Sacco. Solo uno ha qualche linea di febbre. «Non stanno male», ha già spiegato il presidente del Tribunale Roberto Bichi. È stata subito attuata la sanificazione di aule e uffici frequentati dai due magistrati. Nessuna evacuazione, ma sono stati chiusi  alcuni uffici e alcune aule di udienza.

Coronavirus, Droplet: la regola del metro di distanza, ecco che cos’è
Coronavirus, nei musei al massimo in due per sala (ma le file si fanno sul marciapiede)
Milano, il Duomo riapre: i primi visitatori sono 4 turisti giapponesi

Udienze rinviate
Il presidente del Tribunale di Milano Roberto Bichi ha intanto deciso con un provvedimento di sospendere e rinviare a dopo aprile tutte le udienze civili non urgenti, alla luce della «diminuzione delle risorse», ossia del personale, giudici e personale amministrativo, dato che due magistrati sono risultati positivi al Coronavirus e, dunque, tante altre persone devono andare in autoisolamento ed essere monitorate

Fuori dagli uffici e dalle aule interessate ci sono cartelli che ne segnalano la chiusura e il fatto che le udienze delle due sezioni coinvolte (la sesta civile al sesto piano e la sezione misure di prevenzione al terzo piano) sono state rinviate.
 

«Stanno evacuando il sesto piano del Tribunale, due casi fra i giudici - aveva scritto l'avvocato Mirko Mazzali su Facebook - Teniamolo pure aperto il Tribunale per fare udienze che possono benissimo farsi fra un paio di mesi senza che succeda nulla. Si devono fare solo le udienze urgenti, non è difficile da capire».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani