CORONAVIRUS

Coronavirus, Roma: allo Spallanzani «tutti negativi» i 75 test degli ultimi giorni. Lasciano il Celio 8 italiani

Lunedì 24 Febbraio 2020
Coronavirus, Spallanzani: «Tutti negativi i test degli ultimi giorni»

«Tutti i test di ricerca del nuovo coronavirus effettuati in questi giorni sono risultati negativi, ad eccezione della paziente cinese, ancora in terapia intensiva ma con condizioni stabili, vigile ed orientata e con respiro autonomo e ripresa dell'alimentazione». È quanto riporta l'ultimo bollettino medico dell'ospedale Spallanzani di Roma.

Coronavirus, Gismondo "contro" Burioni: «Sono stanca e disgustata. Pandemia? Una follia»

«Sono stati valutati, ad oggi, presso la nostra accettazione 114 pazienti - continua il bollettino -. Di questi, 75, risultati negativi al test, sono stati dimessi. Trentanove sono i pazienti tutt'ora ricoverati». Lo Spallanzani, inoltre, ha formalizzato un accordo con l'Ospedale pediatrico Bambino Gesù che prevede «la presa in carico dei bambini accompagnati dai genitori, con sintomatologia riferibile alla infezione da nuovo coronavirus».
 

Nei 219 casi complessivi accertati di coronavirus in Italia, ha spiegato Borrelli, sono comprese le 5 vittime e il ricercatore rientrato da Wuhan che è guarito e che è stato dimesso dallo Spallanzani nei giorni scorsi. Al momento, dunque, si registrano 167 contagiati in Lombardia (comprese le 4 vittime), 27 in Veneto (compreso l'anziano morto a Vò Euganeo), 18 in Emilia Romagna, 4 in Piemonte e 3 nel Lazio (la coppia di cinesi allo Spallanzani e il ricercatore dimesso). Dei 213 positivi, 99 sono ricoverati con sintomi in ospedale, 23 sono in terapia intensiva e 91 in isolamento domiciliare.

FINE ISOLAMENTO AL CELIO PER 8 ITALIANI
Sta per finire il periodo di isolamento al policlinico militare del Celio a Roma per gli otto italiani rimpatriati dalla Cina con in volo dell'Aeronautica militare il 9 febbraio scorso per l'emergenza coronavirus. I risultati degli ultimi tamponi saranno ancora una volta negativi, gli otto connazionali potranno lasciare l'ospedale, 5 oggi e altri 3 domani in mattinata se ultimi test saranno a posto.

Il 9 febbraio gli otto italiani, tra i quali due neonati nati nel 2019, sono stati accolti nelle stanze allestite ad hoc in un reparto del policlinico militare. Sono ormai a un passo dalla fine del periodo di sorveglianza sanitaria, da parte di medici e infermieri dell'Esercito, come è già avvenuto per i 55 italiani che giovedì scorso hanno terminato la 'quarantenà alla cittadella militare della Cecchignola.

Ultimo aggiornamento: 17:38 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani