CORONAVIRUS

Coronavirus, poche mascherine fra i fedeli a Bari per il Papa. «Niente allarmismi»

Domenica 23 Febbraio 2020
1
Coronavirus, poche mascherine fra i fedeli a Bari per il Papa. «Niente allarmismi»

La fede e l'amore per il Papa supera la paura per il contagio da coronavirus. E a Bari, dove Francesco è atteso per la celebrazione della Messa in piazza Libertà, tra le tante persone arrivate sono in pochi a indossare le mascherine. Tra loro una coppia di baresi, Carmela e Angelantonio: «Le indossiamo per precauzione - dicono - e anche se ci sentiamo un po' a disagio, è meglio tutelare noi e gli altri».

LEGGI ANCHE Papa Francesco chiede ai politici europei di non alimentare le paure, l'invasione dei migranti non esiste

«Mio marito - spiega Carmela - soffre di allergie e per lui anche un semplice raffreddore è un problema». «Le mascherine - dice Angelantonio - le abbiamo trovate facilmente, da un emporio sotto casa. Quelle con i respiratori sono le più difficili da trovare». Dice di essere un soggetto allergico anche la giovane Francesca, di Grumo Appula (Bari), che indossa una mascherina rosa: «L'ho fatto per evitare problemi», dice. Altri fedeli, invece, sono «fatalisti: io - spiega Carmela di Acquaviva ( Bari) - non ho paura anche se il virus si sta diffondendo a macchia d'olio. Qui ci sono anche tanti miei parenti e se non fossi venuta io avrebbero potuto contagiarmi loro».

LEGGI ANCHE Il Coronavirus non ferma il Carnevale, oggi sfilata di carri a Francavilla

Giovanna, invece, ha una figlia che vive a Monza: «Vorrebbe scappare e venire qui a Bari», afferma. «Io - aggiunge - sono stata due settimane a Milano e sono qui da due giorni, hai paura?». Per ora, riflettono altri pellegrini pugliesi, «il Coronavirus è ancora a 900 chilometri di distanza, aspettiamo e viviamo tranquillamente: cosa dovremmo fare, chiuderci in casa?». I volontari che si occupano dell'accoglienza invitano intanto i giornalisti a «non creare allarmismi: ci sono poche persone con le mascherine», precisano. Ha invece paura Paola, ma preferisce «non pensarci: è un peccato che il virus sia arrivato in Italia - afferma - e dopo le parole di ieri del premier Conte, siamo tutti un po' più preoccupati».

Ultimo aggiornamento: 10:48 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani