Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Lockdown nazionale, nuovo Dpcm. Chiusure, weekend, bar: il governo rinvia le decisioni al Cdm di venerdì

Lockdown nazionale, nuovo Dpcm. Chiusure, spostamenti, bar, ristoranti: sabato si cambia
di Francesco Malfetano
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 10 Marzo 2021, 09:50 - Ultimo aggiornamento: 19:41

A pochi giorni dall'entrata in vigore del primo Dpcm del governo Draghi, l'esecutivo è al lavoro per modificarlo. Già oggi infatti, si è riunita (alle 17) la cabina di regia per decidere in che modo inasprire diverse delle misure in essere, accogliendo le indicazioni allarmate del Comitato tecnico scientifico. Un vertice conclusosi con un nulla di fatto: il governo ha deciso di attendere nuovi dati. La stretta potrebbe riguardare già questo fine settimana (13-14 marzo), perché i numeri del contagio - i nuovi positivi ieri hanno sfiorato quota 20mila - non sembrano consentire ulteriori tentennamenti. Come aveva peraltro chiarito anche l'Istituto superiore di sanità la scorsa settimana dopo aver ricevuto i dati dalle Regioni, è necessario un «immediato rafforzamento» delle misure associate «a ciascun “colore” in considerazione della necessità di contrastare la maggior trasmissibilità». L'obiettivo è riportare l'indice Rt nazionale, ora a 1.06, nuovamente sotto l'1, soglia che classificherebbe l'intera Penisola (in media ovviamente) in zona gialla. 

Stato d’emergenza, ipotesi proroga a settembre

 

SPOSTAMENTI, RISTORANTI E CINEMA

Per questo, un po' come avvenuto durante le festività natalizie, si torna alle chiusure diffuse nei weekend. L'obiettivo è tenere meno persone possibile in giro il sabato e la domenica. Resta però da capire, e dovrà farlo la cabina di regia, se si vorranno adottare restrizioni da zona rossa (spostamenti vietati anche all'interno del proprio comune eccetto che per motivi di lavoro, salute e urgenza) oppure come indicato anche dal Cts portare tutto il territorio nazionale in fascia arancione per 48 ore, lasciando che gli italiani possano spostarsi entro i limiti del coprifuoco dalle 5 alle 22 ma solo all'interno del territorio del comune di residenza.

MISURE PIU' RIGIDE

Non solo, i tecnici hanno spinto anche per un inasprimento delle zone rosse che è la prosecuzione della strada intrapresa con la decisione di fissare la chiusura automatica delle scuole una volta raggiunta la soglia di 250 casi ogni 100mila abitanti in 7 giorni. Con lo stesso livello di contagio, e quindi in zona rossa, sarà necessario inasprire anche le altre misure. Per cui saranno chiusi locali pubblici e negozi, vietati gli spostamenti, consentita l’attività motoria soltanto nelle adiacenze della propria abitazione. A prescindere dal colore quindi, per lo stesso principio di precauzione, nei fine settimana ci sarà la chiusura di bar e ristoranti (anche per le regioni ora in fascia gialla) per tutto il girono, con consentito come sempre solo l’asporto e la consegna a domicilio.

 

 

RIAPERTURE CINEMA

Il "mini-lockdown" per i weekend in arrivo rimette anche in discussione la possibilità di riaprire cinema e teatri a paritre dal prossimo 27 marzo come stabilito dal Dpcm in vigore. Tuttavia è possibile che, su proposta del ministro Dario Franceschini, si riesca a far passare la stessa linea adottata per i teatri fino alla scorsa settimana. Ovvero apertura al pubblico solo nei giorni feriali e sale sbarrate il sabato e la domenica.

Covid, terapie intensive al 31% oltre la soglia critica: forte aumento da inizio marzo (+6%)

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA