Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Lockdown a Pasqua, Cts: weekend in zona rossa, ma il governo frena. Stato d’emergenza, ipotesi proroga a settembre

Lockdown a Pasqua, Cts: weekend in zona rossa, ma il governo frena. Stato d emergenza, ipotesi proroga a settembre
di Marco Conti
5 Minuti di Lettura
Mercoledì 10 Marzo 2021, 00:03 - Ultimo aggiornamento: 09:52

La curva dei contagi non accenna a calare, soprattutto in Lombardia, qualche novità potrebbe arrivare tra domani e dopo, ma pare tramontata la stagione dei Dpcm quotidiani. D’altra parte il Comitato tecnico scientifico è un organo consultivo ed è improprio trasformare i pareri - destinati al ministero della Sanità - in decisioni già assunte dal governo che invece si muove con cautela, attenzione per i tempi e con un occhio soprattutto alle vacanze pasquali che potrebbero rappresentare la prima occasione di “fuga di massa”.

Lockdown mirati, zona rossa nazionale nel weekend: verso modifiche al Dpcm. Regioni divise

Lockdown, Bonaccini a Cartabianca: «Ok a misure nazionali per vaccinare di più»

L’obiettivo

Malgrado un certo agitarsi di esperti e virologi, per sapere se qualcosa realmente cambierà si dovrà quindi attendere la consueta riunione del venerdì nella quale il ministro della Salute Roberto Speranza fornisce i dati settimanali, si procede allo spostamento nelle fasce delle regioni che superano i parametri sempre con il necessario preavviso e si valuta l’adozione di ulteriori misure.

Nel parere del Cts - fornito dai Ventisette dopo tre ore di riunione - si leggono varie proposte restrittive e anche se si dice di voler mantenere lo schema delle fasce e si esclude il lockdown nazionale, la somma dei suggerimenti di fatto molto vi somiglia e ha come obiettivo anche le vacanze pasquali che potrebbero risultare - complice il bel tempo - un’occasione non da poco per spostamenti tra regioni. L’allarme è anche del presidente dell’Anci Antonio De Caro: «Servirebbe evitare che durante le feste qualcuno si possa spostare e aumentare i contagi». Il Cts suggerisce di fatto al ministro Speranza di abolire la zona gialla per la quale si chiede un deciso rafforzamento delle misure restrittive a cominciare dalla chiusura dei locali pubblici. Inoltre si propongono fine settimana rossi per tutti come è accaduto a Natale e l’istituzione in automatico delle zone rosse appena si supera la soglia dei 250 casi su 100 mila. Salterebbe quindi la discrezionalità delle singole regioni e la possibilità di chiusure provinciali, che però i presidenti non sembrano disposti a mollare. Per le zone rosse provinciali niente deroghe e quindi chiusura non solo delle scuole ma anche dei locali pubblici.

A preoccupare gli esperti non è solo la situazione delle terapie intensive, ma soprattutto la velocità con la quale si diffonde la variante inglese del virus e da qui la necessità di riattivare il tracciamento. L’ultimo Dpcm è però di una decina di giorni fa e nel governo c’è chi fa notare che gli effetti delle misure in esso contenute - come le scuole chiuse anche se in fascia gialla - hanno bisogno di tempo per produrre effetti. Ovviamente anche il Cts sottolinea l’urgenza di accelerare la campagna vaccinale il cui andamento lento dovrebbe consigliare - sostengono - un irrigidimento delle misure di contenimento. Il Comitato - come sette giorni fa - torna a proporre la linea dura, considerando la curva in rialzo dei contagi e gli ospedali in sofferenza con le terapie intensive al di sopra della soglia critica in tante regioni. Restrizioni e chiusure per limitare i contatti interpersonali perchè, a giudizio del Cts, le misure attualmente in vigore non bastano. 

ra domani o dopodomani il ministro della Salute Speranza sottoporrà alla cabina di regia del ministero e poi ai capidelegazione, il parere del Cts e un pacchetto di misure tra le quali anche l’inasprimento dei parametri che renderebbe più facile lo scivolamento verso le fasce arancione e rossa di molte regioni. Nel nuovo governo la pattuglia dei rigoristi si è però assottigliata di molto, le sensibilità sono diverse e - oltre all’andamento della curva pandemica - c’è da tener conto che sopo un anno di restrizioni c’è molto più “nervosismo” nel tessuto sociale come si è visto ieri con la manifestazione dei titolari di palestre e centri sportivi.

Il viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri ha detto ieri a Sky che dobbiamo tenere duro ancora «per 4-6 settimane», ma c’è poi tutta la campagna vaccinale da spingere con forza. Ed è per questo che nel governo c’è già chi pensa ad una proroga dello stato d’emergenza - che scade a fine aprile - sino a settembre. Dati alla mano è molto probabile che la prossima settimana molte delle regioni gialle, tra cui il Lazio, si trasformeranno in arancione e altre passino in rosso in automatico senza dover introdurre nuove regole o tira fuori un nuovo dpcm.

 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA