Lupi sulla spiaggia a Ladispoli: non era mai accaduto, animalisti mobilitati

EMBED
di Emanuele Rossi

Due esemplari di lupo di nuovo a caccia di prede nella zona di Torre Flavia a Ladispoli, insomma, lupi direttamente sulla spiaggia del centro laziale. Un American Wolfdog avvistato sul lungomare di Marina di Palo. E poi altri incontri ravvicinati a Cerveteri, nelle frazioni Cerenova e Due Casette. Residenti e automobilisti continuano da giorni a segnalare e a immortalare in foto gli insoliti quanto affascinanti ospiti abitualmente presenti in montagna o comunque nelle aree boschive. Si può parlare davvero di lupi puri in una città di mare addirittura in prossimità di una spiaggia?

Ladispoli, allarme lupi nelle campagne di Torre Flavia: sbranate dieci pecore

Se per Palo e Cerveteri si tratterebbe di specie ibride o cani lupo, è a Torre Flavia che si stanno concentrando le maggiori ricerche per poterlo stabilire con precisione. Soprattutto dopo gli ultimi episodi accaduti in un terreno dove 12 pecore sono state assalite in due notti diverse. A denunciare i vari episodi il proprietario dell’appezzamento di via Primo Mantovani, Santino Esigibili che ha anche raccontato di essersi trovato a tu per tu con un lupo rischiando anche di essere aggredito.

Proprio questa mattina a Torre Flavia è avvenuto un sopralluogo da parte del Comune, con il biologo e consigliere comunale di maggioranza di Ladispoli, Filippo Moretti. Sul posto per conto della Regione è intervenuto invece Stefano Donfrancesco, coordinatore e guardiaparco esperto del settore.

Ci sono delle valutazioni in corso ma è molto probabile che quegli animali marrone chiaoi immortalati in foto siano due lupi, di cui uno sembrerebbe un cucciolo. Potrebbe essere anche confermato dai morsi al collo ricevuti dagli ovini. E’ stata contattata subito l’Asl di Rm 4 e sono in corso delle indagini. La situazione verrà esaminata molto seriamente. Tuttavia Comune e Regione tendono a rassicurare gli animi.



“Intanto c’è da dire che non c’è nessun pericolo per l’uomo – sostiene Filippo Moretti – e poi si sta facendo tutto ciò che è necessario per capire di cosa stiamo parlando. Alla popolazione è bene ricordare di seguire le nostre ordinanze comunali, e cioè tenere i propri cani col guinzaglio o la museruola e non abbandonare cibo in giro”.





Lupi o non lupi negli ultimi mesi diversi allevatori della zona hanno segnalato la sparizione o l’uccisione delle proprie pecore. 




LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani