Roma, Kluivert convinto:«Questa squadra sa di poter arrivare in alto»

Venerdì 8 Novembre 2019
Conquistarsi un posto fisso nella Roma e togliersi la soddisfazione di contribuire a farla tornare a vincere. Justin Kluivert fissa gli obiettivi a medio-lungo termine in vista della trasferta in casa del Parma. «Voglio diventare importante per questa squadra. L'obiettivo di tutti è vincere questa partita; al momento occupiamo il terzo posto, è molto bello, ma le rivali che ci inseguono sono davvero molto vicine… per noi sarà un'altra finale. Dovremo aiutarci come abbiamo fatto finora, ma io ho molta fiducia in questa squadra» ammette l'esterno olandese, intervistato all'interno del match program giallorosso. Per Kluivert quella con gli emiliani sarà «una partita difficile contro bella squadra, basti vedere gli ottimi risultati che hanno ottenuto contro le grandi, hanno davvero fatto molto bene. Ho visto un pò la partita contro la Fiorentina, ci sono dei giocatori molto agili, gli attaccanti sono davvero velocissimi. Mi aspetto, quindi, una bella partita che vogliamo assolutamente vincere e ci proveremo fino in fondo».

«Stiamo attraversando un buon momento. Abbiamo vinto tre partite consecutive in campionato, abbiamo lavorato duro per ottenere questo risultato - aggiunge l'ex Ajax -. Ad inizio stagione tutti ci aspettavamo di essere nelle parti alte della classifica. In campionato abbiamo perso soltanto una partita, e adesso dobbiamo mantenere questo livello. Siamo un gruppo molto forte, abbiamo giocatori di alto calibro in squadra, possiamo toglierci delle grandi soddisfazioni». Per farlo però la Roma di Fonseca non potrà fare a meno di trovare una maggiore continuità di risultati. «E' fondamentale, tutti possono vivere un breve periodo di brillantezza ma per essere una grande squadra, per essere ricordati, per vincere qualcosa di importante, occorre mantenere questo livello a lungo e soprattutto non porsi mai dei limiti - riconosce Kluivert -. In questo momento quello che vedo e sento nella squadra è questa convinzione, nella nostra testa sappiamo di poter arrivare in alto. Perché no, anche sul gradino più alto. E' una sensazione che avverto netta. A volte, nelle squadre riesci a sentire se c'è questa fiducia in sé stessi oppure no, e mi sembra in questo momento la squadra stia vivendo proprio questo. Se si crede in qualcosa, tutto è possibile».

Inaccettabile, una piaga da sradicare. Justin Kluivert si esprime così in merito al problema razzismo nel mondo del calcio. «E' davvero un peccato che in questo momento in Italia si parli un pò troppo spesso di questi episodi che si stanno ripetendo. E' qualcosa di inaccettabile. Un conto è la rivalità sportiva, calcistica, tra opposte tifoserie. Altro è rivolgere offese razziali ad un avversario - sottolinea l'ex giocatore dell'Ajax -. E' inaccettabile e per certi versi anche stupido, probabilmente chi lo fa non si rende conto di come venga percepito l'insulto dalla persona che ne diviene oggetto. La speranza è che tutti insieme possiamo fermare e sradicare questa piaga».
Ultimo aggiornamento: 21:06


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, sul tram 8 l'incontro con l'assassino

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma