Giro d'Italia nel Reatino, in tanti sulle strade ad applaudire i big del ciclismo. Foto

Il passaggio del Giuro d'Italia a Porta d'Arci (foto Meloccaro)
di Andrea Scasciafratte
2 Minuti di Lettura

RIETI - Ci mancava il passaggio a livello chiuso. Sgradita sorpresa a Villa Reatina per i cinque corridori in fuga che, per colpa delle sbarre abbassate, sono stati costretti a fermarsi di colpo, perdendo circa 40’. Anche questo è il Giro d’Italia, arrivato a Rieti poco dopo il caffè e diretto a Foligno.

 

Approfittando della giornata tiepida e dell’orario favorevole, in tantissimi si sono riversati lungo le strade, soprattutto in città. In molti anche senza mascherina, richiamati all’occorrenza dalle forze dell’ordine disseminate sul percorso. La carovana rosa ha portato il solito carico d’allegria e di colori. Quelli delle auto di servizio, che hanno fatto da apripista già un paio d’ore prima del passaggio della corsa, ma soprattutto quelli delle ammiraglie e dei corridori. In cinque davanti, a un minuto e mezzo (ma potevano essere oltre due se non ci si fosse messo di mezzo il passaggio a livello chiuso) il gruppo con tutti i big. Un passaggio fugace, in attesa che il Giro torni a Rieti, magari con un arrivo di tappa.
 

Lunedì 17 Maggio 2021, 16:32
© RIPRODUZIONE RISERVATA