LUIGI DI MAIO

Di Maio, oggi il passo indietro: si dimette da capo politico M5S. Altri 2 deputati via

Mercoledì 22 Gennaio 2020 di Simone Canettieri
1
Di Maio, oggi il passo indietro: si dimette da capo politico M5S. Altri due deputati via

ROMA «Il mio compito di capo politico finisce qui». Oggi pomeriggio, alle 17, al Tempio di Adriano Luigi Di Maio annuncia le sue dimissioni dalla guida del M5S. Uno strappo totale. Molto di più del classico «passo di lato», come ormai si usa dire. Il ministro degli Esteri lascerà anche il ruolo di responsabile della delegazione grillina al governo.

LEGGI ANCHE Conte: Di Maio tirato per la giacchetta, rispetterò sua scelta ma mi dispiace per lui

Al suo posto è molto probabile la promozione di Stefano Patuanelli, titolare dello Sviluppo Economico e in ottimi rapporti con il premier Giuseppe Conte. In alternativa si fa il nome di Alfonso Bonafede. L'annuncio è atteso a margine della presentazione dei facilitatori regionali pentastellati, l'ultimo tassello della riforma del Movimento, votata lunedì su Rousseau. 

LEGGI ANCHE Di Maio convoca i ministri M5S: scatta l'ipotesi reggenza

Finisce così - almeno per ora - l'èra del leader Di Maio, iniziata il 30 settembre del 2017, a Italia 5 Stelle a Rimini. Un successo bulgaro - 30mila voti su 37mila - che segnò il passaggio dello scettro da Beppe Grillo a l'enfant prodige di Pomigliano. «Auguri: ora sono cavoli tuoi», fu la battuta del fondatore. Che ora rimarrà garante di un Movimento senza guida. Da statuto, il reggente del principale partito della maggioranza diventa Vito Crimi, attualmente sottosegretario all'Interno. «Vito lavorava in una cancelleria di un tribunale, dunque sarà un ottimo burocrate», provavano a sdrammatizzare ieri i vertici di un M5S che ora si trova senza capo. Di Maio è «stanco delle pugnalate» dei ribelli, ma anche dell'atteggiamento dei «colonnelli» che stanno portando i pentastellati nell'alveo del centrosinistra. Quel «perimetro riformista» che l'ex vicepremier ai tempi del governo gialloverde con Matteo Salvini proprio non riesce a digerire. 

LA GIORNATA
Di Maio ieri ha passato la giornata alla Farnesina con i collaboratori più stretti per limare, parola per parola, il suo messaggio «d'addio». E soprattutto ha lanciato un messaggio in Emilia Romagna: ha disdetto qualsiasi appuntamento elettorale previsto nel fine settimana in vista delle regionali. Dietro la mossa d'anticipo dell'ormai ex capo politico c'è la volontà di «non prendere altri schiaffi» domenica notte, quando le urne dei due appuntamenti regionali relegheranno il Movimento a percentuali intorno al 5%. «Io mi schierai per non presentarci, la rete decise altro, ma io non farò da parafulmine».

Prima dell'annuncio ufficiale nel pomeriggio, Di Maio ha convocato per le 10 i ministri e i sottosegretari M5S a Palazzo Chigi. Si consuma così una storia già scritta e nell'aria da tempo. L'implosione del Movimento si innesta con la fuga dei parlamentari. 
 

 

Ieri è stata la volta di Michele Nitti e Nadia Aprile (nel mirino per le mancate restituzioni e in aria di espulsione). Con questa coppia sono 31 i parlamentari eletti nelle liste M5s che, per vari motivi, sono passati ad altri gruppi parlamentari, o se ne sono andati, da quando è iniziata la legislatura. 

Tra questi ci sono ben 14 deputati che si sono ritrovati alla Camera al gruppo Misto dove, una volta raggiunta la quota di 20, possono formalmente ambire a formare un nuovo gruppo parlamentare. Magari attorno a Lorenzo Fioramonti ed al progetto in fieri di «Eco» che continu a girare l'Italia presentando il suo ultimo libro il Mondo dopo il Pil. Ma oggi intanto si scrive una pagina ben più complicata: il Mondo M5S dopo Di Maio. Uno scenario ignoto, per i grillini, ma anche per la maggioranza e dunque il governo.
 

Ultimo aggiornamento: 10:43 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma