GIUSEPPE CONTE

Di Maio si dimette, diretta: «Basta pugnalate, ora rifondare. Governo va avanti». Crimi reggente fino agli Stati Generali

Mercoledì 22 Gennaio 2020 di Simone Canettieri
8
Di Maio si dimette, diretta: «Rifondare, ma basta pugnalate. Governo va avanti». Crimi reggente fino agli Stati Generali

Luigi Di Maio fa un passo indietro e si dimette ufficialmente da capo politico del M5S. ««Per stare al governo serve essere presenti sul territorio in maniera organizzata: ci ho lavorato un anno e ho portato a termine il mio compito. Ora inizia il percorso verso gli Stati generali», sono le sue prime parole al Tempio di Adriano di Roma, dove viene accolto tra gli applausi e che, alla fine del suo discorso, saluta, togliendosi la cravatta. 

Conte: Di Maio tirato per la giacchetta, rispetterò sua scelta ma mi dispiace per lui

Il futuro del Movimento. «​È giunto il momento di rifondarsi: oggi si chiude un'era - dice Di Maio - Ed è per l'importanza di questo momento che ho iniziato a scrivere questo documento un mese fa. Una volta nominati i facilitatori il mio compito è terminato». Ma il Movimento Cinquestelle, assicura il leader dimissionario, «non è finito, anzi è appena cominciato. Il M5s - spiega - è un progetto visionario che non era mai stato realizzato prima e che non ha eguali nel mondo: siamo arrivati al governo, abbiamo indicato un ottimo presidente del Consiglio e due bravissime squadre di ministri e sottosegretari. Nessuno ancora oggi sarebbe pronto a scommettere sul nostro futuro, siamo stati l'incubo degli analisti ma non è finita, è appena cominciata. Il progetto di crescita per i prossimi decenni continua».

Di Maio a Grillo: «Non ce la faccio». Ma pensa all'asse con Di Battista


«Pugnalate alle spalle dalle retrovie». Di Maio non rinuncia però a togliersi qualche sassolino dalla scarpa: «Abbiamo tanti nemici, qualcuno che resiste e che ci fa la guerra. Ma nessuna forza politica è mai stata sconfitta dall'esterno. I peggiori nemici sono quelli che al nostro interno lavorano non per il gruppo ma per la loro visibilità. Molti in questi mesi mi hanno accusato di esser stato troppo ingenuo - aggiunge - non mi sento tale ma preferisco passare per ingenui che essere considerato un imbroglione. E personalmente continuo a pensarlo nonostante i tanti tradimenti. C'è chi è stato nelle retrovie e, senza prendersi responsabilità è uscito allo scoperto solo per pugnalare alle spalle». «Se negli ultimi anni non fossimo andati gli uni contro gli altri avremmo probabilmente avuto risultati ancora migliori», aggiunge ancora Di Maio.
 

 

Crimi reggente, poi gli Stati Generali. «Le mie funzioni passano a Vito Crimi che è il rappresentate anziano del Comitato di garanzia, che ringrazio», ha annunciato Di Maio. «Agli Stati generali discuteremo sul cosa, subito dopo gli stati generali passeremo al chi».
 

Il bilancio. «Dalle leggi che abbiamo approvato non si può tornare indietro. Se proveranno a cancellare la legge anticorruzione, prescrizione o reddito di cittadinanza ci saranno migliaia di persone in piazza per impedirlo. E io sarò con loro», puntualizza Di Maio. «Qualsiasi cosa accadrà mi fido di noi, del M5S e di chi verrà dopo di me».

Salvini e Meloni: «Il governo è finito». Di Maio abbandona la guida dei 5Stelle al tracollo, Zingaretti annuncia lo scioglimento del PD, Renzi litiga con tutti. Il governo è finito», ha affermato il leader della Lega, Matteo Salvini. Gli fa eco la leader di Fdi Giorgia Meloni: «Assistiamo alle battute finali di un Governo fantoccio nato nel palazzo con il solo scopo di non far decidere agli italiani da chi vogliono essere rappresentati».

Zingaretti: «Non mi permetto di interferire». Ma «mi dispiace» anche «perché si è avviato un processo politico che tiene. In ogni caso anche per M5s è arrivato il momento delle scelte». Lo ha detto il segretario del Pd Nicola Zingaretti al Tg4, commentando le dimissioni di Di Maio. 

Raggi: «Avanti a testa alta»Luigi #DiMaio avanti a testa alta. Il cammino da fare è lungo, complesso ma entusiasmante: rimbocchiamoci le maniche!». Così su twitter la sindaca di Roma Virginia Raggi. 

Di Maio si dimette, Salvini e Meloni: «Il governo è finito»
 

L'annuncio al Tempio di Adriano. Luigi Di Maio si è recato verso le 15.30 al tempio di Adriano dove ha lavorato per ultimare la stesura del discorso. Tra i presenti la senatrice e vicepresidente del Senato Paola Taverna e la componente della squadra dei facilitatori nazionali e socia di Rousseau Enrica Sabatini. Interpellata sul ruolo che avrà l'associazione nella nuova fase che si apre per il M5s, Sabatini ha rinviato al discorso di Di Maio: «Sono tutti chiarimenti a cui risponderà lui stesso» ha detto. 

LEGGI ANCHE Di Maio a Grillo: «Non ce la faccio». Ma pensa all'asse con Di Battista

Alla riunione di questa mattina non ha partecipato il presidente del Consiglio Giuseppe Conte. 

 

La riunione con i ministri M5S.
«Lascio, le mie dimissioni da capo politico M5S sono irrevocabili». Luigi Di Maio ufficializza ai ministri pentastellati riuniti a Palazzo Chigi il passo indietro dalla guida del Movimento. Nel corso della riunione tutti hanno ringraziato "Luigi" per il lavoro svolto finora. Il vertice, durato circa un'ora e mezza, ha registrato anche le posizioni di chi ha chiesto fino alla fine a Di Maio di ripensarci o perlomeno di aspettare fino a lunedì per rassegnare le dimissioni. Ma l'ormai ex capo politico dei grillini è apparso irremovibile.  

Stamani Di Maio è stato tra i primi a entrare nella sede del governo, dentro a un'Alfa ministeriale. A seguirlo alla spicciolata un po' tutti i ministri da Alfonso Bonafede a Spadafora. Il vertice si è svolto nella Sala Verde dove da prassi il governo incontra i sindacati per le vertenze nazionali.

«Si apre una fase delicata e complicata», ammette il Guardasigilli. Tra i primi a varcare l'ingresso laterale di Chigi anche Vito Crimi che da statuto - in caso di dimissioni del capo politico - diventa il reggente del Movimento: «Vediamo che succede, poi semmai parlerò», dice il viceministro dell'Interno. Il PD guarda preoccupato: fra quattro giorni si vota in Emilia. E il caos pentastellato potrebbe pesare assai sulle urne.

 

Ultimo aggiornamento: 23 Gennaio, 08:16 © RIPRODUZIONE RISERVATA