LUCA SACCHI

Luca Sacchi, preso di mira per omonimia con uno dei fermati risponde: «Non sono io»

Venerdì 25 Ottobre 2019
Luca Sacchi, preso di mira per omonimia con uno dei fermati risponde: «Non sono io»

Fatto curioso nell'epoca dei social network in cui le notizie viaggiano velocissime da un capo all'altro del pianeta. Un caso di omonimia ha costretto un uomo che porta lo stesso nome di uno dei due 21enni accusati dell'omicidio di Luca Sacchi a dover pubblicare un post su Facebook per smentire di essere lui il presunto assassino. «Viste le ripetute richieste di amicizia che mi stanno arrivando, i messaggi d'insulti su link e foto del mio profilo e tanto altro, volevo avvisare i fenomeni dei social che non sono io il Valerio Del Grosso della tragedia di Colli Albani», ha scritto. Diversi i commenti di amici che vanno da chi consiglia di denunciare e a chi sottolinea «il web è pieno di imbecilli», fino a chi fa notare «bastava guardare la foto pubblica per capire che non hai 21 anni». La persona in questione, infatti, appare ben più adulta di un 21enne.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma