Regione Lazio, parità di genere nelle nomine. Mattia: «Garantita la presenza delle donne nei luoghi di potere»

Venerdì 21 Febbraio 2020 di Maria Lombardi
Regione Lazio, parità di genere nelle nomine. Mattia: «Garantita la presenza delle donne nei luoghi di potere»

Rivoluzione nella Regione Lazio, un altro passo in avanti verso la parità di genere: nelle nomine sarà garantito l'equilibrio e ci sarà sempre la presenza di una donna nei luoghi di potere. «Con il collegato di bilancio approvato questa notte alla Pisana, continua la rivoluzione della Regione Lazio sui temi della parità di genere. Da oggi in poi, diciamo basta alla prevalenza maschile in tutte le posizioni apicali. L’emendamento approvato delinea un preciso impegno per la Regione a garantire l’equilibrio di genere in tutte le nomine di sua competenza: un cambio radicale di prospettiva che pone il Lazio al passo con i tempi e con il nuovo protagonismo femminile nella società. Non è più pensabile escludere le donne dai luoghi delle decisioni», spiega Eleonora Mattia (Pd), presidente della IX Commissione della Regione Lazio e prima firmataria dell’emendamento che consente alla Regione Lazio di compiere un ulteriore passo in avanti sulla parità uomo-donna.

Lavoro, alla Regione Lazio una legge per la parità negli stipendi tra donne e uomini

«L’emendamento – spiega Mattia – vuole superare la sotto-rappresentazione femminile nei luoghi del potere. D’ora in poi in tutte le nomine regionali, siano esse collegiali o monocratiche, ciascun genere non potrà essere rappresentato oltre i 2/3. Tale equilibrio sarà garantito da un meccanismo di monitoraggio periodico su tutte le nomine effettuate nel corso dell’anno e con riferimento al numero complessivo delle designazioni e nomine effettuate», aggiunge Mattia.

Parrucche per malati oncologici, la Regione Lazio stanzia fondi e crea "banche" presso le Asl

«Troppo spesso quando si tratta di scegliere, sono le donne ad essere sacrificate, anche quando più brave o meritevoli. Questa disposizione innovativa rappresenta un incentivo concreto alla selezione delle competenze femminili e allinea la Regione Lazio agli obiettivi Onu per l’agenda 2030 sull’empowerment femminile e la parità di genere come presupposto a uno sviluppo equo e sostenibile della società tutta. Sono soddisfatta – conclude Mattia – del lavoro che stiamo facendo per creare un vero e proprio modello Lazio sulle politiche di genere»

© RIPRODUZIONE RISERVATA