Commerciante ucciso a Viterbo, l'assassino: «È stato un raptus, chiedo scusa alla sua famiglia». Ora rischia l'ergastolo

Martedì 7 Maggio 2019
4
Omicidio commerciante, l'assassino confessa: «E' stato un raptus, chiedo scusa alla sua famiglia e alla città»

«Chiedo scusa alla famiglia e a tutta la città». Micheal Aaron Pang ha confessato di aver commesso l'omicidio di Norveo Fedeli, il negoziante 73enne di Viterbo ucciso venerdì scorso nel suo negozio.

LEGGI ANCHE Omicidio Fedeli, la madre di Pang dagli Stati Uniti: «Io prego per lui e per la vittima»

«E' stato un raptus, ho perso la testa», ha detto il giovane nell'interrogatorio di convaldida del fermo ancora in corso al tribunale di Viterbo. L’omicida di Fedeli ha risposto alle domande del gip del sostituto procuratore nella lunga udienza di convalida a porte chiuse. Per i suoi avvocati Remigio Sicilia e Lilia Ladi un confronto lungo e complesso anche per la necessità della traduzione simultanea in inglese.

Pang, che era arrivato nella Tuscia da due mesi e mezzo, è accusato anche di rapina. Lo scorso venerdì, nel negozio di via Luca avrebbe colpito a morte il proprietario con uno sgabello. Poi la fuga a Capodimonte dove viveva con uan donna tedesca. In base alla nuova legge sui reati più gravi, recentemente approvata, il giovane accusato rischia una condanna all'ergastolo.  

Il ragazzo è in carcere da sabato scorso, appena dopo esser stato fermato dai carabinieri nelle strade del paesino sul lago di Bolsena. «Ha chiesto scusa, ma ci sono degli elementi da chiarire e da approfondire», ha detto a fine interrogatorio il suo avvocato..

 

Ultimo aggiornamento: 15:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’incubo di vivere per 34 ore sulla barella al pronto soccorso

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma