Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Terni, in Bct per scoprire il mondo di Armida Barelli, che fondò l'Università Cattolica

Terni, in Bct per scoprire il mondo di Armida Barelli, che fondò l'Università Cattolica
di Au.Prov.
4 Minuti di Lettura
Lunedì 7 Marzo 2022, 19:34 - Ultimo aggiornamento: 8 Marzo, 17:31

TERNI- Un omaggio alla donna che oltre un secolo fa fondò l'Università Cattolica. Unica tra tanti uomini. E che cambiò la storia del mondo cattolico femminile. Martedì 8 marzo 2022, alle ore 17 presso il Caffè letterario della Bct, incontro con Barbara Pandolfi, biografa e vice postulatrice della causa di beatificazione di Armida Barelli, e con Pietro Messa, docente Pontificio Ateneo Antonianum Roma. Per analizzare la vita di "Armida Barelli. Una donna tra due secoli, testimone di progettualità e lungimiranza”. Determinata e infaticabile, Armida Barelli ha segnato la prima metà del Novecento con la sua volontà di promuovere la cultura e la partecipazione attiva delle donne alla vita civile, sociale e religiosa. Una vocazione che l’ha portata, lei nata in una famiglia laica della borghesia milanese, a diventare la fondatrice della Gioventù Femminile dell’Azione Cattolica e a svolgere un ruolo centrale nella nascita dell’Università Cattolica del Sacro Cuore.

 Fondatrice della Gioventù femminile italiana, co-fondatrice dell'Università cattolica del Sacro Cuore, fondatrice dell'Istituto secolare delle Missionarie della Regalità di Cristo: Armida Barelli, che sarà beatificata il prossimo 30 aprile, è stata testimone importante di una presenza attiva delle donne nella Chiesa e nella società che travalica il suo tempo. l'Azione Cattolica ricorda che il suo esempio, a partire dagli anni '20 del secolo scorso e fino alla morte nel 1952, è riuscito a dare una scossa fondamentale alla vita di centinaia di migliaia di ragazze che impararono ad uscire da una visione limitata della condizione femminile preparandosi ad assumere con nuova consapevolezza responsabilità familiari, lavorative, sociali e poi anche politiche. «Se lei ha fatto così, perché non posso farlo anch'io?». La dedizione con la quale si è dedicata ad ogni progetto - dalla costituzione in ogni parrocchia italiana di un circolo di giovani donne cattoliche al reperimento dei fondi per un'impresa che sembrava impossibile come la realizzazione di una Università dei cattolici in Italia - ha convinto tante donne a tentare e a riuscire laddove erano incredule di poter arrivare: parlare in pubblico, studiare, scrivere sulle riviste dedicate alle socie, viaggiare, organizzare convegni ed eventi.

«Agendo anche sul piano sociale per la valorizzazione femminile - è scritto nel Messaggio per la 98/a Giornata per l'Università cattolica del Sacro Cuore (1 maggio 2022) della Conferenza episcopale italiana -. Armida fu promotrice di un cattolicesimo inclusivo, accogliente e universale. Nella stagione del ritorno alla democrazia nel nostro Paese dopo la devastazione della guerra, spronava le donne, per la prima volta chiamate al voto, a 'capire quali sono i principi sociali della Chiesa per esercitare il nostro diritto di cittadinè perché 'siamo una forza, in Italia, noi donnè». Numerosi sono i convegni nel mese di marzo dedicati alla sua figura che scandiscono il tempo fino alla cerimonia di beatificazione. Oggi a Milano alle 15.00 si svolgerà l'incontro «Con cuore di donna» promosso dall'Università Cattolica del Sacro Cuore e dall'Istituto Toniolo con un'intervista all'arcivescovo di Milano e presidente dell'Istituto Toniolo, mons. Mario Delpini, mentre a 
Terni alle 17.00 ci sarà l'incontro «Una donna tra due secoli, testimone straordinaria di progettualità e lungimiranza» promosso da Istess Filosofia, Azione cattolica italiana e Caffè letterario. Il 19 marzo a Teramo ci sarà «Prendersi cura. La donna nella Chiesa e nella società sui passi di Armida Barelli» promosso dall'Azione cattolica diocesana e dall'Ufficio per il laicato; ancora il 19 marzo a Piacenza l'incontro «Armida Barelli e l'Università cattolica» promosso dall'Associazione ex studenti del Collegio S. Isidoro e dal Collegio S. Isidoro - Residenza universitaria A. Gasparini; il 21 marzo alla Pontificia Università Antonianum di Roma il convegno «Armida Barelli. Novità di un carisma». Per una testimonianza che non smette di ispirare anche le giovani e le donne di oggi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA