Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ast, firmato l'accordo tra Arvedi e ThyssenKrupp: Caldonazzo Ceo, Burelli fuori
Giovedì l'incontro con i sindacati in fabbrica

Ast, firmato l'accordo tra Arvedi e ThyssenKrupp: Caldonazzo Ceo, Burelli fuori Giovedì l'incontro con i sindacati in fabbrica
3 Minuti di Lettura
Lunedì 31 Gennaio 2022, 17:53 - Ultimo aggiornamento: 20:14

 Il Gruppo Arvedi ha acquisito da Thyssenkrupp la società Acciai Speciali Terni (Ast) e le controllate commerciali in Germania, Italia e Turchia. Il contratto è stato firmato oggi, 31 gennaio 2022, a Essen da Giovanni Arvedi e Mario Arvedi Caldonazzo, presidente e amministratore delegato del Gruppo Arvedi, e da Volkmar Dinstuhl, Ceo Multi Tracks, in rappresentanza di Thyssenkrupp. Al closing dell’operazione, dopo il signing del 15 settembre 2021, si è arrivati a seguito del via libera dell’Antitrust europeo del 21 dicembre scorso e di quello dell’Antitrust turco.
Thyssenkrupp manterrà una quota del 15 per cento in Ast in segno di continuità e fiducia. 
Tra le prime novità nell'organigramma il taglio del Ceo Massimiliano Burelli che rimarrà come consulente. Ma la sua partenza non era scontata, perlomeno non subito. 

Il Cavaliere Giovanni Arvedi è da oggi presidente di Acciai Speciali Terni e il dottor Mario Arvedi Caldonazzo amministratore delegato. Amministratori Giancarlo Stringhini, presidente delle società inox del Gruppo Arvedi, ed i “ternani” Mariano Pizzorno, confermato Cfo, e Dimitri Menicali, direttore di stabilimento.

 «Acciai speciali Terni ha una storia importante che s'intreccia con l'interesse del nostro Paese. Con umiltà faremo tutto il possibile per darle il futuro che merita»: a sottolinearlo è il fondatore e presidente del Gruppo Arvedi, il cavaliere Giovanni Arvedi. «Con l'acquisizione di Ast, il Gruppo Arvedi si conferma un asset strategico del sistema industriale italiano e uno fra i principali operatori siderurgici europei» ha aggiunto. «Il nostro impegno per Ast - ha sottolineato Giovanni Arvedi - si concentrerà sulla competitività e la sostenibilità ambientale, attraverso un piano di investimenti concentrato su impianti all'avanguardia, tecnologie innovative, ricerca e sviluppo. Continua il nostro impegno, come nei siti di Cremona e Trieste, per la decarbonizzazione anche attraverso l'impiego di idrogeno verde». «Siamo lieti di aver trovato nel Gruppo Arvedi un nuovo proprietario per Ast» il commento del Ceo multi tracks di Thyssenkrupp, Volkmar Dinstuhl. «Il Gruppo Arvedi - ha aggiunto - guiderà lo sviluppo dell'azienda con investimenti e innovazioni e darà ai dipendenti prospettive interessanti. Questo è stato molto importante per noi durante le negoziazioni per la vendita. Auguriamo ad Ast e Arvedi ogni successo per il futuro».

 Soddisfazione per la firma di oggi è espressa dalla presidente della Provincia di Terni, Laura Pernazza, che commenta positivamente il passaggio formale di Ast da ThyssenKrupp ad Arvedi. “E’ una notizia importante – dichiara la presidente - sia per Terni che ritrova una compagine industriale italiana, sia per il Paese che si dota di un asset di grande importanza. Il mio auspicio – prosegue la presidente – è che la nuova proprietà adotti per le acciaierie una strategia forte e di prospettiva, anche con le opportunità offerte dai fondi del Pnrr. Come istituzione – conclude - faremo la nostra parte per quanto di competenza, per contribuire a rafforzare questa realtà produttiva aspettando anche di conoscere il piano industriale e i futuri assetti societari”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA