Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Lazio, terza miglior partenza della gestione Lotito dopo sette gare e anche l'approccio convince

Nelle prime sette gare di campionato il bottino è soddisfacente: 14 punti con Napoli e Inter già affrontate, e Sarri fissa i paletti: «È importante trovare solidità»

Lazio, terza miglior partenza della gestione Lotito dopo sette gare e anche l'approccio convince
di Valerio Marcangeli
3 Minuti di Lettura
Giovedì 22 Settembre 2022, 11:01

Sono riprese le operazioni a Formello. Dopo la vittoria contro la Cremonese, la Lazio ha ricominciato a lavorare con l’obiettivo di recuperare quanto perso a livello atletico e tattico nelle ultime settimane a causa dei continui impegni ravvicinati tra campionato ed Europa League. Il poker dello Zini ha certificato che il crollo in Danimarca contro il Midtjylland è stato solamente un caso, ma durante la sosta Nazionali Sarri continuerà a confrontarsi con i suoi calciatori a tal proposito. L’obiettivo primario è diventato evitare ulteriori scivoloni del genere.

14 punti, non si vedevano da cinque stagioni

Quel che è certo è che il tecnico potrà affrontare certi discorsi col sorriso per almeno due motivi. In primis per l’ottima partenza in campionato. Quattro vittorie, due pareggi e una sconfitta. Un computo di 14 punti come non si vedeva da cinque stagioni. Solo altre due volte durante la gestione Lotito il club capitolino è partito con oltre due punti di media dopo sette giornate. In primis nella stagione 2010/11 con Reja e 16 punti conquistati. L’ultimo caso, appunto, è stato la stagione 2017/18. Sulla panchina biancoceleste c’era Simone Inzaghi che nelle prime sette gare come Reja aveva accumulato 16 punti scaturiti da cinque vittorie, un pareggio e una sconfitta. Quell’anno la Lazio perse la Champions League all’ultima giornata con l’Inter per un colpo di testa di Vecino, ora in biancoceleste. L’obiettivo di questa stagione resta il quarto posto, ma di certo Sarri spera in un epilogo differente.

 

Solidità nei primi 30'

Non sono terminati qui però i passi in avanti di Immobile e compagni. Sia durante la precedente gestione che nel primo anno di Sarri, al club capitolino spesso si criticava l’approccio alle gare. Eppure in queste prime sette giornate di campionato anche in questo aspetto il Comandante può ritenersi soddisfatto del rendimento della sua squadra. Dati alla mano, Provedel non ha mai incassato gol nella prima mezzora. Lo stesso passo della Lazio lo reggono la granitica difesa dell’Atalanta (solo 3 gol subiti), il Torino e la Salernitana. «In questo momento per noi è importante trovare solidità» aveva detto il tecnico dopo la vittoria col Verona. A occhio l’obiettivo sembra alla portata.

© RIPRODUZIONE RISERVATA