Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Fca-Stellantis, salta la ripartenza del suv Grecale

Fca-Stellantis, salta la ripartenza del suv Grecale
3 Minuti di Lettura
Venerdì 10 Giugno 2022, 08:35

 Doveva essere il giorno dell'avvio della produzione del Suv della Maserati, invece anche questa  mattina (10 giugno) i cancelli dello stabilimento Fca Cassino Plant resteranno chiusi e la partenza di Grecale è rinviata dunque alla prossima settimana. Ovviamente, così come già avvenuto anche a maggio, non ci sarà neanche il recupero dei sabati lavorativi. Quello di oggi è già il quinto giorno di stop per quel che riguarda il mese in corso. I motori di Fca Cassino Plant si erano spenti venerdì 27 maggio ed era stato poi annunciato un lungo stop fino al 3 giugno. Lunedì il lavoro doveva riprendere regolarmente, invece a inizio settimana è giunta comunicazione che la catena di montaggio sarebbe rimasta ferma anche fino a martedì.

Gli operai si sono recati sulle linee solo ieri e l'altro ieri e si è provveduto a svuotare le linee dai modelli Alfa. Oggi si sarebbe dovuto iniziare con un impostato di 170 unità la produzione del Suv Grecale, invece l'ennesimo senza lavoro. Lo scorso mese di maggio sono stati 8 i giorni di stop (considerando anche i sabati non recuperati): si superano i 30 nei primi 5 mesi dell'anno. Di Fca Cassino Plant e più in generale del gruppo Stellantis si parlerà nel congresso della Uilm che si terrà stamane alla presenza del segretario nazionale Roberto Toigo all'Hotel Il Boschetto di Cassino a partire dalle 9. Ad aprire i lavori sarà il segretario provinciale Francesco Giangrande. La Uilm è il sindacato più rappresentativo all'interno di Stellantis Cassino. Intanto il segretario nazionale della Fim-Cisl Uliano lancia l'allarme: «Con il voto di oggi dello stop ai motori endotermici entro il 2035 non è più rinviabile una politica attendista sul mettere in atto risorse e investimenti che consentano la trasformazione industriale del settore».
Alb. Sim.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

© RIPRODUZIONE RISERVATA