Messaggero, il futuro è remoto