Liverpool, altro pari: la Champions è difficile. Per il Bayern la festa è solo rimandata. Real Madrid frenato dal Betis

Liverpool, altro pari: la Champions è difficile. Per il Bayern la festa è solo rimandata. Haaland lancia il Borussia
di Giuseppe Mustica
4 Minuti di Lettura
Sabato 24 Aprile 2021, 17:36 - Ultimo aggiornamento: 23:01

Chissà se i tifosi del Liverpool, adesso, saranno ancora contro la Superlega. I Reds non vanno oltre il pari (1-1) ad Anfield contro il Newcastle. E rischiano seriamente di rimanere fuori dalla prossima Champions League. Una stagione che si potrebbe rivelare fallimentare per la squadra di Klopp, al sesto posto in classifica.

Vittoria esterna dell'Everton con l'Arsenal: Ancelotti crede alla Champions. Ancora proteste contro la Superlega

Incredibile, comunque, la gara di oggi. Gli uomini di Klopp passano subito con Salah (3’). Poi sbagliano il possibile e l’impossibile. E la beffa arriva al minuto 95 con Willock. Già qualche minuto prima i bianconeri erano riusciti a bucare Alisson, ma dopo un controllo Var, era stato annullato il pari di Wilson per un tocco di mano. Sono quattro così i punti persi dalla squadra di Klopp nelle ultime due partite e negli ultimi minuti. Qualche giorno fa era successo anche con il Leeds. Un’altra formazione, come il Newcastle, che ormai non ha più nulla da chiedere al campionato. L’unica nota positiva arriva da Salah: l’egiziano ex Roma entra nella storia del club inglese. Con il gol di oggi diventa il primo calciatore a segnare almeno 20 gol in Premier League in 3 stagioni diversi. Record già sfiorato nella passata stagione, quando si era fermato a 19 reti. E, in serata, il Chelsea piazza il colpo in trasferta sul campo del West Ham (1-0). La decide Timo Werner, alla fine del primo tempo, e manda gli uomini di Tuchel a +3 proprio sugli Hammers e a +4 sui Reds. Una vittoria pesantissima. Agevolata anche dell'espulsione, a 10' dal termine, di Balbuena. Un passo avanti, forse decisivo, per il quarto posto.

BUNDESLIGA

In Germania tutto rinviato in casa Bayern Monaco. Per festeggiare lo scudetto la squadra di Flick dovrà attendere il prossimo 8 maggio, quando ospiterà il Borussia Monchengladbach. I bavaresi perdono 2-1 sul campo del Mainz, che con questi tre punti si è praticamente salvato. Poca concentrazione in campo per i campioni in carica nonostante il rientro dopo l'infortunio di Lewandowski: il polacco riesce comunque ad andare a segno in pieno recupero. Troppo tardi però per rientrare in partita. A tre giornate dal termine, il Lipsia, secondo in classifica, è distante comunque 10 punti. La squadra di Nagelsmann ha una gara in meno (giocherà domani in casa contro lo Stoccarda) e una rimonta è veramente impossibile.

​​Champions, ecco le semifinaliste: squadre delle capitali, allenatori degli anni ‘70 e crollo della nobiltà «novecentesca»

È fondamentale anche la vittoria del Borussia Dortmund sul campo del Wolfsburg. Gli uomini di Terzic vincono per 2-0 grazie alla doppietta di Haaland: nella prima rete il norvegese sfrutta un errore in fase di disimpegno e accelera in maniera incredibile prima di scaraventare in porta, col sinistro, il pallone del vantaggio. Nella ripresa, dopo che i gialloneri erano rimasti in 10 per l’espulsione di Bellingham, il centravanti cercato da mezza Europa punisce la formazione di Glasner in contropiede. Adesso il Dortmund “vede” il Francoforte, che ha perso 3-1 sul campo del Leverkusen. La Champions per i gialloneri dista solamente una lunghezza. Nel pomeriggio tedesco vince anche l’Union Berlino (3-1) sul Werder Brema, mentre pareggiano Friburgo ed Hoffenheim (1-1).

LIGA

Il Real Madrid pareggia 0-0 in casa contro il Betis Siviglia e probabilmente saluta la Liga. La squadra di Zidane fatica tutti i 90 minuti. E non passa. Nonostante il tecnico le provi tutte, inserendo nel finale anche Hazard, al rientro, ma che non è riuscito ad incidere. Finale con proteste, per un presunto fallo di mano in area Betis, ma l'arbitro Fernandez ha lasciato proseguire e non è nemmeno stato richiamato dal Var. E domani di conseguenza l'Atletico può allungare (la squadra di Simeone sarà impegnata a Bilbao e vincendo volerebbe a quota 76 punti) e il Barcellona raggiungere i madrileni, fermi a 71. La truppa di Koeman giocherà sul campo del Villarreal. Può essere la giornata decisiva per la stagione. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA