Lazio, Immobile quasi out, Lazzari spera. E contro lo Spezia c'è in ballo un tabù

L'attaccante vuole esserci ad ogni costo ma resta in dubbio. Il terzino conta di esserci: contro i liguri, Sarri vuole centrare il filotto

Lazio, Immobile quasi out, Lazzari spera. E contro lo Spezia c'è in ballo un tabù
di Valerio Marcangeli
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 28 Settembre 2022, 11:07 - Ultimo aggiornamento: 17:46

Tutti gli indizi portano al primo giorno di tattica in casa Lazio. Sarri ha messo lo Spezia nel mirino e dopo la ripresa con lavoro atletico e tecnico, il Comandante è pronto per iniziare lo studio dell’avversario. Sarà fondamentale dare seguito a quanto fatto con Verona e Cremonese, il gruppo deve esserne consapevole e per questo il tecnico ha atteso il termine degli impegni delle Nazionali. Oggi rientreranno anche gli ultimi tre calciatori impegnati con le proprie rappresentative, ovvero Gila, Hysaj e Vecino, quindi si comincerà a fare sul serio in vista del prossimo impegno.

Immobile quasi out, speranza Lazzari

Contro lo Spezia c’è solo la certezza che non ci sarà Casale. Il difensore centrale ha riportato uno stiramento tra il primo e il secondo grado all’adduttore della coscia sinistra e ne avrà per almeno tre o quattro settimane. Resta il dubbio su Immobile, quasi out secondo lo staff medico, ma da considerare ancora in corsa viste le doppie sedute di terapia e la voglia del calciatore di esserci a ogni costo. C’è infine Lazzari che corre spedito verso il rientro e nella giornata di domani è atteso addirittura in gruppo per giocarsi le sue carte. L’ideale per Sarri sarebbe recuperare sia il terzino che il bomber per sfatare quello che a tutti gli effetti è un tabù.

Tabù terza vittoria

Non si tratta dello Spezia, battuto 6-1 all’Olimpico e 4-3 in rimonta al Picco lo scorso anno. La pausa Nazionali ha momentaneamente distolto lo sguardo da un traguardo che la Lazio di Sarri non ha mai raggiunto. Si tratta della terza vittoria di fila. Gli eventuali tre punti contro i liguri porterebbero il computo a nove nelle ultime tre gare in Serie A considerando Verona e Cremonese. Di mezzo c’è stata la disfatta di Herning contro il Midtjylland, ma prendendo in esame solo il campionato il club capitolino vincendo con lo Spezia ritroverebbe un exploit che non arriva dai tempi di Inzaghi. Tra il 12 marzo al 18 aprile 2021 la Lazio batté in fila Crotone, Udinese, Spezia appunto, Verona e Benevento. Anche in questo caso i liguri sarebbero il terzo tassello. L’esame di continuità mascherato dalla pausa era quello che voleva Sarri per testare i progressi di mentalità della sua squadra. Un altro passo falso non sarà ammesso.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA