Lazio, buona la prima: 2-2 con il Milan
ma che rimpianto i due gol di vantaggio

Venerdì 9 Settembre 2011
Cissè esulta per il gol (foto di Daniel Dal Zennaro - Ansa)
ROMA - Quanti rimpianti per la Lazio che a San Siro si porta sullo 0-2 in poco più di venti minuti e poi subisce il ritorno del Milan, complice un calo fisico. La squadra di Reja combatte comunque con cuore e grinta, e splendide giocate, sul terreno dei campioni d'Italia, giocando un'ottima mezz'ora iniziale da grande squadra. Lascia subito il segno Klose, primo realizzatore della serie A 2011-2012, e non è da meno Cissè. Qualche problema di troppo in difesa, soprattutto nel secondo tempo, capace di lasciare spazio e tempo ai rossoneri (anche loro con problemi di tenuta), tra i quali ha comunque brillato Cassano con un gol, un assist e un palo, capace praticamente da solo di tenere a galla un team apparso fin troppo molle e opaco.



TUTTO SU MILAN-LAZIO: CRONACA E STATISTICHE



Le formazioni. Il Milan schiera il modulo classico, 4-3-1-2: Allegri sceglie Cassano per completare l'attacco, presidiato da Ibrahimovic. Alle spalle dei due Kevin Prince Boateng nel ruolo di trequartista. Difesa a quattro con Abate, Nesta, Thiago Silva e Antonini; a centrocampo debutta il Mister X Aquilani, affiancato da Gattuso (costretto a uscire dopo poco per problemi alla vista) e Ambrosini. La Lazio sceglie il 4-2-3-1: in avanti Klose, alle spalle il gioiello Hernanes e l'ottimo Cissè. Centrocampo a tre con Ledesma, Brocchi e Mauri. Reparto difensivo formato da Konko, Biava, Dias e Zauri.



La partita. Dopo un'occasione mancata da Aquilani, sblocca il risultato Klose all'11' che riceve in area da Mauri, si prende gioco di Nesta e infila di sinistro. Proteste milaniste per un tocco dell'attaccante con il braccio. Al 16' pasticciano e si scontrano Nesta e Gattuso (che sarà costretto a uscire per controlli in ospedale, rilevato da van Bommel), Cissè ruba palla e spara, Abbiati respinge, poi Klose viene preceduto di un soffio dalla difesa. Pochi attimi e Mauri pennella un pallone per la testa di Cissè che insacca, anche lui anticipando Nesta. Al 30' il Milan accorcia con Ibrahimovic, liberato a due passi dalla porta da Cassano, imbeccato con tocco morbido da Aquilani. Due minuti dopo è lo stesso Cassano a pareggiare i conti: di testa, appostato largo sul primo palo, infila un angolo battuto da Aquilani, a difesa addormentata. Nel secondo tempo il Milan impazza: al 62' Cassano da fermo coglie il palo alla destra del portiere. Un minuto dopo Boateng tira a botta sicura, Bizzarri para. Difesa della Lazio immobile, squadra in calo fisico. Al 65' è però Nesta che riesce a salvare miracolosamente su Cissè lanciato verso la porta, con Abbiati scavalcato. Parte la girandola dei cambi: fuori Klose sostituito da Gonzalez, Nocerino rileva Aquilani. Al 75' Allegri manda in campo Pato per Boateng. Al 78' Lulic rileva Mauri. La girandola prosegue con Matuzalem che entra per Hernanes. Si chiude con un tiraccio alto di Pato.



Milan (4-3-1-2): Abbiati; Abate, Nesta, Thiago Silva, Antonini; Gattuso (20' pt Van Bommel), Aquilani (23' st Nocerino), Ambrosini; Boateng (31' st Pato); Cassano, Ibrahimovic. (1 Amelia, 76 Yepes, 25 Bonera, 28 Emanuelson). All: Allegri

Lazio (4-2-3-1): Bizzarri; Konko, Biava, Dias, Zauri; Ledesma, Brocchi; Mauri (34' st Lulic), Hernanes (40' st Matuzalem), Cissè; Klose (23' st Gonzalez). (84 Carrizo, 21 Diakitè, 18 Kozak, 9 Rocchi). All: Reja

Arbitro: Rocchi di Firenze

Reti: nel pt 12' Klose, 21' Cissè, 29' Ibrahimovic, 33' Cassano

Recupero: 1' e 5'

Angoli: 3-1 per il Milan

Ammoniti: Van Bommel e Dias per gioco falloso; Mauri e Cassano per comportamento non regolamentare

Spettatori: 46.086





SERIE A

2^ giornata



Milan-Lazio 2-2



sabato

Cesena-Napoli



domenica

Juventus-Parma (12,30)

Catania-Siena

Chievo-Novara

Fiorentina-Bologna

Genoa-Atalanta

Lecce-Udinese

Roma-Cagliari

Palermo-Inter (20,45) Ultimo aggiornamento: 9 Ottobre, 17:35 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La realtà virtuale dei grillini e i problemi (reali) della città

di Simone Canettieri