Sandro Veronesi, parata di celebrità alla Galleria Sordi per la presentazione dell'ultimo libro

Giovedì 14 Novembre 2019 di di Valentina Venturi

Grande interesse e curiosità ieri nella nota libreria di Galleria Alberto Sordi, dove Sandro Veronesi ha presentato il suo ultimo romanzo “Il colibrì”, edito La nave di Teseo. Alla presenza di Sergio Rubini e Teresa Ciabatti, sul palco insieme all’autore, sono stati diversi gli amici e colleghi che hanno voluto presenziare a quello che più che un confronto, è risultato un conviviale incontro letterario. In prima fila c’erano Paolo Virzì e la moglie Micaela Ramazzotti che indossava un fasciante cappotto, Alessandro Haber con l’immancabile sigaretta tra le dita, Eleonora Vallone, Stefano Eco, Fulvio Abbate e Diego De Silva; in fondo defilata anche Margherita Buy. Dalla parte opposta tra i tanti, sedevano con discrezione e interesse la moglie di Veronesi Manuela Cavallari, il fratello Giovanni Veronesi, Domenico Procacci e la moglie Kasia Smutniak in un elegante trench dal taglio maschile, mentre in piedi c’era il cantante dei Negramaro Giuliano Sangiorgi e Chicco Testa.
 

 

«Siamo molto intimiditi - commenta introducendo il libro la scrittrice Ciabatti - Quando escono romanzi così importanti e innovativi, da una parte è una gioia e dall’altra è un problema. Ora dobbiamo tutti confrontarci con quest’opera». Il titolo si rifà al colibrì, l’uccello che battendo le ali in modo veloce riesce a stare fermo anche quando intorno infuriano gli elementi contrari e malgrado le tempeste che lo investono. E come il colibrì anche il protagonista Marco Carrera, nonostante le perdite atroci, le sospensioni emotive e gli amori assoluti, non si sposta un millimetro da se stesso. A leggere brani c’era Rubini, che prima di iniziare ha voluto precisare come lui sia «solo un lettore. Non ho mai parlato di libri così, sappi Sandro che mi hai messo in una condizione devastante!». Veronesi costruisce una galleria di personaggi, abitanti in un mondo in cui il tempo è fluido e si estende dai primi anni ‘70 fino a un futuro prossimo, dove risplenderà l’arrivo di Miraijin una bambina che sarà l’Uomo Nuovo. «Salta subito all’occhio - sottolinea l’attore pugliese - la struttura narrativa, in cui il tempo salta, va avanti e indietro, fino ad arrivare allo stra-futuro. Quelli che sembrano i frantumi disordinati di una vita disastrosa, piena di accidenti come le nostre, sono invece pezzi che a poco a poco si ricompongono in un’esistenza piena di armonia. Il protagonista non è solo un padre, ma è il distillato della paternità». Una storia intricata, vera e intima perché «come dice Durrenmatt, uno scrittore deve procedere verso la realtà», conclude Veronesi.
 

Ultimo aggiornamento: 10:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, mille guai e un miracolo: per Natale i turisti in aumento

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma