Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Carlo Verdone e il suo ultimo libro di ricordi “un sacco belli”

Carlo Verdone racconta il suo ultimo libro
di Lucilla Quaglia
3 Minuti di Lettura
Giovedì 25 Febbraio 2021, 11:49

Impeccabile completo grigio su maglia blu, cappotto in mano, Carlo Verdone scende da un van dai vetri oscurati. Poi prosegue per un breve tratto di strada, protetto dalla mascherina. Il grande regista-scrittore-attore sta per entrare all’interno di una nota libreria bistrot di via Tomacelli, dove tutto è organizzato all’insegna della prevenzione. Tanto che ogni presente, davvero molto pochi, ha fatto il tampone prima di poter avere accesso. Verdone, si sa, quando si tratta di salute è sempre molto attento. Ad attenderlo, all’interno, c’è il critico cinematografico Mario Sesti che lo accompagna nel corso della presentazione in streaming del suo nuovo libro, “La carezza della memoria”. Uno sbirciare le foto trovate in un cartone, in casa, per ripercorrere momenti storici della sua vita.

 

Ed ecco che dallo scrigno dei ricordi esce fuori l’istantanea con Massimo Troisi e Francesco Nuti, scattata da Alberto Sordi. «Quello fu il momento – commenta il cineasta – in cui io, Troisi e Nuti iniziammo a parlare di un maschio diverso: non più rimorchiatore, ma fragile. Con una donna più forte di lui al fianco». E poi il rapporto con i figli Giulia e Paolo e la condivisione, con quest’ultimo, della grande passione per la musica. Tante le domande in chat. Chiede Armando: Chi vede suo erede tra gli attori di oggi? «Direi nessuno. Sono unico come lo era Sordi. Difficile avere lo stesso bagaglio di vita». E’ meglio scrivere un libro o un film? «Sono cose diverse. Un film è un lavoro di creatività, anche da geometra. Ha meno libertà. C’è sempre l’intervento di un produttore, o di qualcun altro, che chiederà di fare cambiamenti. Nel libro sono da solo con il mio computer e faccio come voglio».

Carlo Verdone: «Grazie di cuore per gli auguri, vi voglio bene»

Verdone, Mattarella telefona all'attore per i 70 anni: «Grazie per ciò che ha donato agli italiani»

Altra domanda on line: “Come si fa a descrivere così bene il prossimo? “Si devono amare gli altri. Se non si ama stare con la gente questo lavoro non si può fare. La gente va osservata dal vivo”. Verdone poi si sofferma su Maria F., la prostituta con cui ebbe una dolce storia da giovane e che rappresenta un racconto davvero struggente. Ultima domanda di Aldo: Di quale attore conserva un ricordo speciale? «Direi di tutti. Ogni mia attrice ha ricevuto un premio importante. Ho dato sempre spazio. Per me Claudia Gerini è stata una notevole alleata, mi capiva al volo. Con lei era tutto semplice. Girare Viaggi di nozze è stato molto divertente. Ma anche la Morante, la Giorgi, la Argento, la Buy». Valanga di altre domande, ma c'è tempo solo per i saluti. «E’ un libro che vi darà serenità», conclude l'autore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA