Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

La Urban Art in mostra alla galleria Contemporary Cluster di Palazzo Cavallerini Lazzaroni

Carl Brave
di Gustavo Marco Cipolla
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 17 Febbraio 2021, 17:07

L’Urban Art si mette in mostra alla galleria Contemporary Cluster di Palazzo Cavallerini Lazzaroni, in via dei Barbieri. Fino al 30 marzo, non lontano da Largo di Torre Argentina, contaminazioni estetiche e stilistiche sono le protagoniste di “06”, progetto espositivo curato da Giacomo Guidi in cui sei tra gli artisti più poliedrici del panorama underground capitolino svelano le proprie opere. Gli esponenti dell’attuale scuola creativa romana si lasciano fotografare tra mascherine e ingressi contingentati. C’è omino71 insieme a Mr. Klevra, arrivano Solo, Gemello, Lucamaleonte e Diamond. L’esposizione è un tributo alla Città Eterna attraverso la semantica dei numeri: lo zero e il sei, prefisso telefonico della Capitale, rappresentano Roma nell’immaginario collettivo. 


Linguaggi e background differenti dentro storie personali e dipinti. Un visionaria narrazione del territorio, ai tempi dei Dpcm e della pandemia, contagia gli ospiti, attrici e rapper. Carlotta Antonelli posa con il suo ritratto alle spalle, la seguono Benedetta Porcaroli e Carl Brave. Riqualificazione urbana e valorizzazione della bellezza, dal centro alla periferia, secondo prospettive intime diventano il fil rouge dell’expo. Iconografie e simboli coinvolgono pure Coez, Gemitaiz, Lucci dei Broken Speakers, Briga e Arianna Montefiori, White Trash. 


Dalle nobili scale si notano le sovrimpressioni mimetiche di Gemello in un puzzle di “tessere tossiche”, viaggio mentale fatto di denunce e passioni. L’happening inaugurale è stato anche il sesto incontro della kermesse musicale online “House Dstrct”, fra sound e dj set sul canale tv Magma. Nella sala quadrata gli stencil di Diamond danno spazio al corpo in una commistione di tecniche e la sua ricerca antropomorfica rompe gli schemi tradizionali e le convenzioni. Solo è invece l’autore dei tanti supereroi dei fumetti in crisi, che osservano i passanti per strada e sono pronti a salvarli. Il suo tocco espressivo è un mix di cultura pop sulle tele, graffiti e spray. Mr. Klevra rapisce l’attenzione tramite sfumature di colore, segni e scritte celate. Anima così poster in carta velina e skateboard, ispirandosi alle icone bizantine o ai temi medievali. Accanto a lui il mash-up firmato omino71, santi e bambini dalle tinte sature riconoscibili negli interventi street sino alla celebrazione dei miti come Andy Warhol, le star del rock David Bowie e Massive Attack, Topolino. I murales e i capolavori su legno con soggetti naturali di Lucamaleonte stregano il curioso parterre: collezionista di stampe d’antan e bestiari del Medioevo, dà vita a libere interpretazioni visive.

© RIPRODUZIONE RISERVATA