Roma, commando di 7 persone picchia titolari e clienti nei bar notturni: nuovo colpo a Settecamini

I banditi finora hanno agito nelle zone a Sud-Est della città per pochi euro

Roma, commando di 7 persone picchia titolari e clienti nei bar notturni: nuovo colpo a Settecamini
di Marco De Risi
4 Minuti di Lettura
Venerdì 28 Gennaio 2022, 07:33 - Ultimo aggiornamento: 29 Gennaio, 19:22

Colpisce ancora una volta la banda della mazza ferrata. Spargendo il terrore, ha come obiettivo i bar notturni o le pasticcerie che aprono all'alba. Colpi violenti con l'aggressione del titolare e anche dei clienti. Agiscono a scopo di rapina ma ottenendo bottini che sono spesso esigui. Tanta violenza, quindi, per quasi nulla. E forse questa ferocia a prescindere dai bottini è fra le cose che preoccupa più gli inquirenti.
IL COMMANDO
Si tratta di un commando di sette persone che agisce impugnando spranghe e bastoni e a volte non disdegna le pistole. L'ultimo colpo in ordine cronologico è quello messo a segno mercoledì notte in un bar pasticceria sulla Tiburtina, zona Settecamini. Per l'esattezza si tratta del Montecarlo Bar Caffè in via Tiburtina 1496.

Paura a Guidonia, manager rapinato in villa: sequestrato davanti alle figlie

Il bar una volta colpito dalla banda ha chiuso i battenti e non si sa quando li riaprirà. I sette hanno agito come fossero un commando militare. Sono entrati in azione alle 3 di notte quando nel locale notturno c'erano parecchi clienti. I sette non si sono fatto problemi. Sapevano che c'era un uomo della sicurezza. L'hanno preso a bastonate e messo fuori gioco. In breve tempo hanno spadroneggiato nel locale sulla Tiburtina. Si sono fatti dare dalla titolare 600 euro che erano nella cassa. La donna ha provato anche a fuggire nel retro ma non ce l'ha fatta: è stata raggiunta dai banditi che l'hanno riportata dietro la cassa. Poi, i sette con i bastoni hanno provato a spaccare le macchinette del gioco d'azzardo ma non ci sono riusciti. Hanno incrinato i vetri dei video poker ma non sono riusciti nemmeno a prendere i soldi da una macchinetta preposta al cambio monete. Il raid è durato diversi minuti, con la banda che ha imperversato nel bar pasticceria. I sette sono fuggiti a bordo di una Fiat Uno color grigio. È stato un cliente che stava fuori a segnalare al 112 la rapina con sequestro di persona ed anche il tipo d'auto usato dalla gang. La macchina è stata trovata abbandonata lungo la via Prenestina.

Commando rapina un bar a Roma, titolare preso a bastonate e clienti in ostaggio


LE INDAGINI
È la polizia ad occuparsi dell'indagine per bloccare i sette violenti che continuano a colpire senza problemi. Dei sette individui, quattro sono stati descritti dalla carnagione color scuro. I banditi erano coperti con cappelletti e mascherine anti-covid. Sono gli agenti del commissariato San Basilio ad indagare sul raid dei banditi. Sono stati presi a verbale i testimoni e la titolare. L'uomo della sicurezza picchiato ha rifiutato il ricovero dal 118. L'ambulanza è ripartita vuota. Si tratta di un colpo fotocopia ad altri avvenuti sempre in questo quadrante di città o poco distante. A fine dicembre un commando di almeno quattro persone armate di pistola e bastoni assaltò un bar tabacchi al Casilino. I banditi si mostrarono molto violenti anche se non c'era un grande bottino da rapinare. Il colpo avvenne nel bar tabacchi di via Casilina 2123, a Borgata Finocchio.

A Roma la truffa dei falsi cardinali: «Lavoriamo in Vaticano». Presa la banda delle “mandrakate”

Il negozio aveva aperto da poco, quando vi fecero irruzione persone armate. Si trattò di una tentata rapina, ma le modalità del colpo furono impressionanti. I banditi hanno presero a bastonate il titolare e spruzzarono dello spray al peperoncino ai clienti del bar. I due colpi hanno delle analogie, in particolare, con la rapina in un bar di via Casal dei Pazzi. Anche in questo caso i banditi furono almeno cinque armati di pistola e di bastone. Anche a Casal de' Pazzi, i quattro agirono con estrema violenza accontentandosi di un magro bottino ed una macchinetta cambia soldi. In questo caso il titolare, 65 anni, fu ricoverato in ospedale dopo essere stato preso a bastonate dalla banda. Gli agenti della polizia stanno lavorando proprio sui colpi. Proprio così, studiando le analogie, potrebbero essere evidenziate piste utili per le indagini. Intanto, la zona è stata sottoposta ad una maggior controllo delle forze dell'ordine, anche con l'uso di auto e moto civetta. Il commando ha dimostrato di muoversi in un modo molto violento ma anche scomposto e questo potrebbe essere utile per rintracciarlo ed arrestarlo.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA