Turista fai da te? Non più: vai dove ti portano le app

Venerdì 5 Maggio 2017 di Maria Lombardi
Turista fai da te? Una volta, adesso “smartphone traveller”, quelli che vanno dove li portano le app. Pianificano il viaggio, le cene, le visite turistiche con il cellulare. Trovano le offerte migliori con l’app Secret Escapes, che permette di prenotare alberghi di lusso anche con il 70% di sconto, acquistano il biglietto aereo con app come Sky Scanner - un motore di ricerca internazionale di voli che ne compara milioni per individuare quelli che costano meno - e pianificano il tour dei musei con Musement, app e sito che permettono di scegliere di tutto: dal volo in mongolfiera fino all’acquisto dei ticket per musei e aree archeologiche per evitare lunghe file. 
L'ultima trovata si chiama Manet, lo smarthphone "sorpresa". I turisti lo trovano nella stanza d'albergo e senza pagare un euro in più possono chiamare a casa o dall'altra parte del mondo tutte le volte che vogliono, prenotare gite e musei, restare connessi il tempo che gli pare.  Una soluzione digital che da arriva dall'Italia. L'idea è di cinque ragazzi romani (Antonio Calia, Marco Maisto, Marco Barbato, Luca Liparulo e Andrea Proietti) che hanno deciso di sfidare un colosso cinese, Handy, finanziato da 150milioni di dollari, nella creazione di un software che permette di visitare la città in maniera innovativa. E soprattutto, gratuita. Creato per gli smartphone Samsung, il progetto di Manet ha ricevuto un totale di 700 mila euro di investimenti da LVenture Group e altri, a fine marzo è stato selezionato da Google tra le startup italiane come caso di successo Android. Si tratta di un software con tecnologia Android che  permette di far trovare direttamente nella stanza di albergo uno smartphone che offre al turista una connessione internet 4G illimitata e chiamate illimitate in tutto il mondo. Il device permette agli ospiti  di prenotare sia i servizi alberghieri che pianificare visite guidate o noleggiare scooter oppure acquistare ticket per musei o spettacoli. Un po’ come avere tutte le app desiderate nello stesso device  e in più la possibilità  di chiamare ovunque e usare internet veloce, senza pagare.  Ultimo aggiornamento: 20:50 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma