Rieti, body building: Ivan Simeoni
a un passo dal professionismo

Ivan Simeoni
2 Minuti di Lettura
Martedì 29 Ottobre 2019, 09:17

RIETI - Ad un passo dal professionismo. E’ il traguardo che può raggiungere il reatino Ivan Simeoni che - quattro mesi dopo il debutto nelle competizioni del circuito della IFBB, la Federazione Internazionale di Bodybuilding e Fitness - nello scorso fine settimana a Napoli è tornato nuovamente sul podio delle gare nazionali, stavolta secondo nel Men Physique Muscolar, categoria dove all’ampiezza del volume muscolare è riservata l’importanza ereditata dalla tradizione del body building più classico, oltre a piazzarsi quarto nella sezione riservata agli atleti inferiori al metro e ottanta, su un podio che, nel body building, contempla i primi sei posti e non più i canonici tre.

IL SOGNO DEL PROFESSIONISMO
 

Il capoluogo partenopeo è la terza tappa sportiva di Simeoni nelle gare di body building, dopo le prime due uscite nella Capitale, prima al Palacavicchi e poi al Marriott Hotel che, precedute da anni di allenamento, hanno segnato in positivo l’esordio del reatino.

Al Teatro Mediterraneo di Napoli, il 31enne – affiancato dall’altro reatino Malko Difilippo, ormai angelo custode sportivo di Simeoni – ha infatti replicato nuovamente il successo sia nella Muscolar che nella -179: «Ho scelto la categoria del Men Physique perché nasce a partire dalla figura classica del surfista americano, dove c’è armonia fra il viso e la forma fisica e perché con questa classe si è cercato di dare una ripulita al mondo del body building dopo il proliferare delle sostanze dopanti» aveva spiegato Simeoni a Il Messaggero nel giugno scorso quando - al suo debutto nelle competizioni IFBB - per lui arrivò subito il primo posto nella sezione -179 e la terza piazza nella Muscolar. «Cerco sempre di coprire entrambe le categorie – racconta - perché ho un fisico abbastanza ibrido che mi consente di farlo. E più gare in più categorie si fanno, maggiori possibilità si hanno di poter gareggiare con atleti di alto livello».

Insomma, una sorta di curriculum sportivo che, di questo passo, a Simeoni può aprire le porte del professionismo già a partire dal prossimo giro di competizioni di scena nuovamente a Roma dove, a seconda del risultato, Ivan potrebbe vedersi spalancare davanti a sé l’accesso internazionale al circuito dei professionisti del body building. Con un pensiero sempre rivolto alla sua Rieti: «Grazie, sia alle persone che mi supportano ogni giorno, sia a coloro che hanno scelto di investire economicamente nel mio percorso di crescita sportiva».

© RIPRODUZIONE RISERVATA