Altaroma, all'Ex Caserma Guido Reni sfilano “I bei tempi” romagnoli di Federico Cina

Sabato 25 Gennaio 2020 di Gustavo Marco Cipolla
Federico Cina_credits Altaroma website

L’archivio fotografico e l’heritage dello scrittore Vittorio Tonelli, cultore della storia romagnola, sono l’ispirazione per I bei tempi della collezione uomo ready to wear fall-winter 2020/21 firmata Federico Cina. All’Ex Caserma Guido Reni, in occasione della kermesse Altaroma, il designer  che lo scorso luglio ha vinto con “Mi sono innamorato di te” il concorso di scouting “Who Is On Next?”, promosso dalla manifestazione romana in collaborazione con Vogue Italia, porta sulla catwalk capitolina tradizione e passione folk. I racconti di Tonelli sono un inno alla bellezza della sua terra  Nato a Sarsina nella Valle del Savio, in provincia di Forlì-Cesena, lo studioso ha raccolto in piccole-grandi storie la cultura popolare, che per Cina diventa moda. Circa trenta i volumi che il maestro sarsinate ha scritto a partire dal ’74, descrivendo l’eccellenza gastronomica e la vita folcloristica della sua regione fra nostalgia e parole. In questa visione antropologica ed emozionale, che mette al centro la persona e i suoi ricordi, lo stilista si lascia guidare dalle ispirazioni della memoria e dai valori di un tempo lontano che oggi sembrano svaniti. Dalle testimonianze della Romagna contadina del secondo dopoguerra alla quotidiana e laboriosa rinascita dei suoi abitanti con il boom economico. Ne “I bei tempi” prevalgono la "semplicità", che troppo spesso non piace al fashion system, il romanticismo e l’artigianalità in una continua scoperta di linee e forme, tagli sartoriali sperimentali, volumetrie e colorati accenti pop, dall'azzurro al fucsia fino alle nuances autunnali. Cappotti e capispalla maxi, trench strutturati, intrecci di maglieria alternati ai pantaloni morbidi: peculiarità stilistiche che appartengono esclusivamente all'inimitabile visione del brand nato nel 2016.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

“Casa mia è piena di gente”. E menomale che si chiama isolamento

di Veronica Cursi