Etro sfila a Milano, in passerella effetti optical e atmosfere anni Novanta

Etro SS 2022_credits Courtesy of Press Office
di Gustavo Marco Cipolla
3 Minuti di Lettura
Giovedì 23 Settembre 2021, 17:12 - Ultimo aggiornamento: 17:13

Energia contagiosa e ottimismo nella collezione womenswear Etro In full bloomprimavera-estate 2022, presentata nella seconda giornata della Milano Fashion Week al Megawatt Court. Con un arcobaleno emotivo, il direttore creativo Veronica Etro dipinge una giovane generazione che non ha intenzione di accantonare i sogni, festeggiando la joie de vivre dopo l’emergenza pandemica. Richiami alla rivoluzione culturale degli anni ’70, in passerella mise dallo stile rigoroso e minimal dei ’90 illuminate dalla voglia di evadere ed essere liberi in seguito agli svariati lockdown. L’esibizione live dei percussionisti Les Tambours du Bronx introduce il fashion show, riflesso vitaminico di stampe e fantasie fra motivi floreali, mandala spirituali e cachemire sulle musiche di Sergio Tavelli. Visioni optical e trompe l’oeil, le texture d’arredamento si tramutano in geometrie, valorizzate dall’iconico e ipnotico Paisley.

 

La silhouette si allunga, micro-top si abbinano ai pantaloni dalla vita elastica, bra-crochet si annodano intorno al busto impreziositi da pietre dure. Spalline impercettibili sulle canotte, mantenendo il fil rouge degli intramontabili Nineties. Sarong skirt sui capi abbracciano camicie dal taglio maschile, cutout dress reinterpretano in chiave contemporanea il sari orientale. Caleidoscopiche margherite all-over printed, grafismi materici e tripudio di righe. Poi, l’omaggio all’albero della vita, simbolo di rinascita, coraggio e fertilità. Nella palette non mancano l’arancio, il verde smeraldo, il giallo acceso e il rosa confetto, arrivando al black and white per un’elegante esuberanza. Tocchi sportswear tramite leggings da ciclista e shorts, base per dare forma agli outfit, si alternano ai completi in maglia portati sotto mini-abiti metallici dall’effetto disco-glam. Mentre i pantaloni over, grazie a spacchi strategici, sembrano gonne. Tacchi vertiginosi in pelle intrecciata e sandali con zeppa decorati da borchie “Crown Me”, presenti anche sugli organici gioielli gold, i secchielli e le bag a tracolla in tessuto stampato o in suede. E ancora, shopper in fibre di rafia verniciata, dove troneggia il Paisley, in una tavolozza en pendant con i colori dell’intera linea.

© RIPRODUZIONE RISERVATA