Terni, arriva al Santa Maria
la maschera da sub
per aiutare il paziente Covid-19

Mercoledì 1 Aprile 2020
La mascera

Una maschera da sub per aiutare il paziente Covid a superare la crisi respiratoria. Anche così si combatte il Coronavirus. Arrivano anche al Santa Maria di Terni cinquanta maschere della Decathlon, quelle che solitamente si acquistano per guardare i fondali marini. Maschere che una volta riadattate possono essere utilizzate per scopi sanitari, come sarà fatto all'ospedale di Terni. Al posto del boccaglio viene installato un apposito adattatore che consentirà l'immissione di ossigeno, così da aiutare il paziente affetto da crisi respiratoria. Adattatore che sarà realizzato da due società di Terni tramite la tecnica della stampa in 3D. Tutto si è reso possibile grazie all'attività della task force predisposta dal commissario Casciari per gestire le donazioni che arrivano al Santa Maria per l'emergenza Covid. 
«Grazie alla tenacia di Leonardo Fausti, uno dei componenti della task force, e all’intercessione del sindaco Leonardo Latini che ha fornito i contatti con la dirigenza della Decathlon, la Vetusta Nursia, cioccolateria di Norcia, - spiegano dal Santa Maria - ha potuto acquistare  e donare 50 maschere che verranno modificate ed adattate per l’uso sanitario. Gli adattatori -  verranno stampatigratuitamente da due realtà ternane esperte nella stampa 3D. La Green Tales di Damiano Gaggia e la 3CRI Twin srl di Irene Frungillo»

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA