Rifiuti, bando pluriennale addio: sarà per due anni e come quello attuale. La delibera

Venerdì 16 Aprile 2021 di Massimo Chiaravalli
Rifiuti, bando pluriennale addio: sarà per due anni e come quello attuale. La delibera

Il bando pluriennale sulla raccolta dei rifiuti? La città se lo può pure scordare: dopo le proroghe a Viterbo ambiente, dopo quello ponte di un anno attualmente in vigore, il prossimo appalto sarà per appena due anni. Fino al 2023. Letta in un altro modo: fino a fine mandato dell’amministrazione Arena. La proposta di delibera arriverà in commissione martedì mattina, appena qualche ora prima del consiglio straordinario su altri rifiuti, quelli provenienti da Roma.

Viterbo, per l'appalto dei rifiuti si va verso il quarto rinvio. L'opposizione: «E la città è sporca»

La bozza di delibera è stata battuta pochi giorni fa. Ha per oggetto “Indirizzi programmatici e linee guida per la predisposizione del nuovo contratto di servizio per la gestione dei rifiuti urbani e i servizi di igiene urbana, ai fini del documento di programmazione finanziaria 2021-2023”. Dove le linee guida sono praticamente quelle stilate dalla giunta Michelini. Rispetto ad ora non cambia nulla: si propone di deliberare «in analogia ai servizi già espletati in base all’appalto in essere», si legge.

E qui il capogruppo del Pd, Alvaro Ricci, ha gioco facile. «Abbiamo scherzato. “Per cambiare, non cambiare” – dice – come recitava lo slogan elettorale dell’ormai ex delegato all’ambiente, Giulio Marini. E’ veramente assurdo». Le linee guida? Sono state oggetto di polemiche negli ultimi tre anni, con la maggioranza decisa a cambiarle. All’inizio dell’anno il sindaco Giovanni Arena aveva annunciato che erano pronte e che sarebbero approdate in commissione entro gennaio, «massimo i primi di febbraio». Invece? «Adesso vanno bene quelle di Michelini – continua Ricci – perché la delibera spiega che bisogna estendere la raccolta differenziata anche nella zona C, però non si può fare per la pandemia». Nell’atto è scritto infatti che «le conseguenze sul tessuto economico e sociale non consentono un aggravio dei costi a carico della cittadinanza».

Ecco alcuni punti della proposta. Uno degli scopi resta quello di passare dall’attuale 58 al 65 per cento di raccolta differenziata. Le utenze: 35.769 sono quelle domestiche, 6.282 le non domestiche. Sempre tre le zone: centro storico (A), centri abitati al di fuori delle mura (B) e case sparse (C). Le ultime restano fuori dal porta a porta, si continua con le isole 40 di prossimità. Il costo? «L’importo annuo totale disponibile – si legge - risulta pari a 12,4 milioni». L’appalto ponte, che scadrà il 31 agosto, ne costa 9.

Ricci tira così le somme: «Abbiamo avuto prima due anni di proroga e poi uno di ponte per giungere alla conclusione che è tutto a posto così. Per confermare tutto ciò che è già in essere ci hanno messo tre anni, un modello peraltro non proprio ideale». La postilla: «Un appalto di due anni non faciliterà certo la partecipazione di molte società. Avevo anche proposto di ridurre a 10 le isole, facendole diventare piccoli centri ecologici sorvegliati. Ma il problema politico – conclude il dem - è che non si capisce il perché dell’appalto ponte: ci troviamo al punto iniziale senza aver fatto un passo avanti. Arena arriverà così a fine mandato: in pratica è un altro appalto ponte, solo più lungo».

Ultimo aggiornamento: 18:14 © RIPRODUZIONE RISERVATA