Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

WhatsApp: lo stato si potrà condividere su Instagram e Facebook ma anche su Google

WhatsApp: lo stato si potrà condividere su Instagram e Facebook ma anche su Google
di Paolo Travisi
2 Minuti di Lettura
Venerdì 28 Giugno 2019, 14:56

Sempre più verso l'integrazione totale. Per gli utenti di WhatsApp, Facebook e Instagram, si profila un utilizzo trasversale delle piattaforme social, con funzionalità e opzioni simili. La novità della versione beta della chat riguarda infatti, la possibilità di condividere lo stato anche sui due social della galassia Zuckerberg. Stato che diventerà una storia, ma non solo su Facebook ed Instagram, perché gli sviluppatori di WhatsApp hanno pensato bene di allargare ancor di più la platea di servizi connessi: Gmail e Google Foto. Questo è possibile facendo ricorso alle funzionalità di data-sharing delle Api (Application Programming Interface) presenti su entrambi i sistemi operativi iOS e Android.

FAKE: WhatsApp pronta a denunciare tutti gli utenti che usano la piattaforma per diffondere fake news e spam

Ma se per Facebook ed Instagram, sarà possibile la condivisione impostando il livello di privacy, includendo o eslcudendo la cerchia di amici, per le applicazioni Google, avverrà qualcosa di più simile ad una ripubblicazione, ma sembra - perché il procedimento è ancora in fase beta, quindi test - che verranno esclusi software esterni per pubblicazioni e condivisioni automatiche. Il motivo è abbastanza chiaro e risale al recente passato in cui Mr Zuckerberg è incappato in una sonora multa dell'UE da 110 milioni di euro recapitata a Facebook per aver unito (cioè condiviso) i dati di utenti WhatsApp e Facebook. 
 



WhatsApp entrò a far parte delle company della famiglia Zuckerberg, nel 2014, quando fu acquistata per 19 miliardi di dollari, tre anni dopo ha debuttato lo "stato" di whatsapp e dal 2020, proprio lì, farà il suo debutto la pubblicità via chat.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA