Serie A, spettatori in calo dell'1,7: il peggior dato delle ultime cinque stagioni. Giù Roma e Napoli, crescono Milan e Juve

Martedì 27 Dicembre 2016
Meno 1,7 per cento: è il dato sulle presenze medie di spettatori negli stadi di serie A. Dato parziale, persino asimmetrico, visto che il calcolo fatto dall'Osservatorio del calcio italiano parametra la media spettatori delle prime 18 giornate dell'attuale campionato a quella della fine del passato torneo. Ma comunque un dato di rilievo. Secondo l'Osservatorio, le 21.833 presenze medie a giornata rappresentano il peggior dato delle ultime cinque stagioni. Ma c'è anche chi è in crescita: il Milan fa registrare un +12,3% in casa, con una media di 43.595 spettatori a partita a San Siro; la Juve +3,8. 

Il segno negativo generale è trainato dal tracollo di presenze per la Roma (-17,8%, con il tifo giallorosso ingaggiato in uno 'sciopero-barrierè) e per il Napoli (22,3%, complice forse l'effetto Higuain) Da rilevare, dati della Lega di A alla mano, anche l'incidenza del fattore Crotone: nelle tre partite giocate sul neutro di Pescara, la neopromossa ha fatto registrare il record negativo assoluto (821 in Crotone-Genoa alla 2/a giornata, 510 in Crotone-Palermo alla 4/a, 522 in Crotone-Atalanta alla 6/a). Infine le partite da record, e tutte a San Siro: la più seguita il derby Milan-Inter (77.882), poi Inter-Juventus (76.484) e Milan-Juve (75.829). Sotto la soglia dei settantamila, si salta alla quarta posizione con i 49.490 spettatori sugli spalti del San Paolo per Napoli-Sassuolo. Al netto del capitolo Crotone, la partita con meno spettatori è invece stata Empoli-Chievo: solo 7.105 sugli spalti, alla nona giornata.
Ultimo aggiornamento: 17:39 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

"La signora che non può mangiare la ricotta perché..."

di Pietro Piovani