Roma, Fonseca in semifinale contro il Manchester combatte con l’ombra di Sarri

Roma, Fonseca contro il Manchester combatte con l ombra di Sarri
di Alessandro Angeloni
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 28 Aprile 2021, 22:22 - Ultimo aggiornamento: 29 Aprile, 00:28

Alla fine, forse, hanno ragione quelli che pensano che la Roma sia una squadra più europea. Adatta alle competizioni internazionali, o almeno adatta all’Europa League. Non si spiegherebbe, in caso contrario, il doppio rendimento dei giallorossi: malissimo in campionato, molto bene in Europa League. Stasera l’andata della semifinale, contro il Manchester, è l’occasione per una città intera. Alla guida quel tecnico a due volti, Paulo Fonseca, con il destino appeso a un filo e lui questa situazione la respira da tempo. Ma vuole portare a termine al meglio il suo percorso in giallorosso: l’allenatore portoghese, in Europa, viene da nove vittorie, due pareggi e una sconfitta.

Roma, Smalling: «Ho i 90 minuti nelle gambe. Passiamo con il Manchester e vinciamo la Coppa»

Nel 2021 è imbattuto, avendo giocato le tre partite a eliminazione diretta, con Braga (due vittorie), con Shakhtar (due vittorie) e con l’Ajax (una vittoria e un pari). La Roma in questa competizione viaggia a testa alta e con la faccia tosta: sa attaccare e sa, quando necessario, rintanarsi dietro. Fonseca guarda alla finale non più come un miraggio, la sua squadra in un anno è cambiata, basti ricordare l’umiliante sconfitta (in gara secca) contro il Siviglia negli ottavi della scorsa stagione.

Roma, carica Dzeko: «Battiamo il Manchester e vinciamo la finale. Nessuna paura»

Paulo sa perfettamente che, molto probabilmente, il suo destino non cambierà nemmeno dopo un eventuale successo della Coppa: il discorso con Sarri non è chiuso, ma le parti sono molto avanti e la prossima settimana ci sarà un altro incontro con il manager dell’ex tecnico del Napoli. Ma questo non disturba (almeno apparentemente) il lavoro di Fonseca, che vuole togliersi la soddisfazione di portare la Roma in finale, cosa che non era mai successa in Europa League: andando in semifinale già ha stabilito un record (dopo la semifinale di Champions raggiunta da Di Francesco nel 2018). «Non possiamo andare a Manchester solo per difendere. Dobbiamo avere la palla, l’ iniziativa, il coraggio di uscire e giocare contro lo United. Essere ambiziosi. Abbiamo le nostre armi da sfruttare. È una grande opportunità per il club, ma anche per la città e per i giocatori. Non tutti hanno la possibilità di affrontare il Manchester United in una semifinale europea. Di certo è la gara più importante della mia carriera. Il sostegno dei nostri tifosi a Trigoria è stato determinante», ha detto il portoghese. Che viene da un periodo pieno di difficoltà, specie in campionato. «È stata una nuova esperienza per me e sì, è stato difficile gestire tutte queste situazioni. Soprattutto i problemi muscolari come quello di Mkhitaryan. Noi giochiamo ogni tre giorni ed eravamo tra i primi quattro in campionato prima degli infortuni di marzo, poi siamo calati. Ecco perché questo trofeo è molto importante». Fonseca, come detto, ha pochissime possibilità di restare nella Capitale, ci vorrebbe un miracolo. 

L’EX CHRIS, PROVOCAZIONE SOCIAL

La vittoria della Coppa aiuterebbe, ma non sarà facile visto l’avversario di questa doppia semifinale, che proprio ieri, attraverso la sua pagina social, ha ricordato il 7-1 di 14 anni fa. Paulo confida nella forza e nella voglia degli ex United, Smalling e Mkhitaryan. Chris, ieri, era al fianco del tecnico nella conferenza della vigilia. «Un turno difficile da superare, ma sarebbe straordinario riuscirci e avvicinarci a un trofeo che cambierebbe le nostre prospettive e che ci darebbe un grande slancio. «Mi sento bene, ho saltato molte partite ed è inusuale per me. Ma mi sento fisicamente a posto, pronto a dare il mio contributo. Sappiamo l’importanza di questa partita, vogliamo rendere i tifosi orgogliosi. E’ una gara speciale, è una semifinale. Conosco l’importanza di portare a casa il trofeo, sarà un grande match. Pensiamo a vincere la Coppa», così l’inglese. 

 

Video

© RIPRODUZIONE RISERVATA