Zaniolo è super: La Roma diverte e travolge il Basaksehir 4-0

Giovedì 19 Settembre 2019 di Ugo Trani
3

L'Olimpico si diverte ancora con la Roma. Che, dopo le quattro reti al Sassuolo in campionato, concede il bis contro il Basaksehir nella notte del debutto in Europa League: 4-0 e prima volta, dall'inizio della stagione (quattro partite), senza prendere gol. Fonseca già viaggia alla media di 3 reti a match. E con sette marcatori differenti. Lo spettacolo, insomma, continua. E coinvolge sia la gente che il gruppo.

PARTENZA LENTA
Il punteggio fa rumore. Ma la Roma conquista il pubblico e la vittoria nella ripresa. Nel primo tempo, giocata sotto ritmo, sembra timida e scontata. Anche statica. Probabilmente è l'effetto del turnover. Fonseca cambia mezza squadra dopo il successo di domenica scorsa: entrano Spinazzola, Jesus, Diawara, Zaniolo e Pastore. Cinque giocatori di movimento su dieci sono insomma diversi. Diawara fatica in mezzo, soprattutto nel palleggio. Il 4-2-3-1 si allunga e il Basaksekir (già 5 sconfitte in 7 gare stagionali) ha campo per organizzare il suo possesso palla. Il 4-1-4-1 dell'ex interista Okan Buruk crollerà dopo l-intervallo. Ma il portiere Gunuk si arrende già nel primo tempo. A far centro, però, è il suo compagno Caiçara, su cross di Spinazzola. Intervento maldestro che ragala il vantaggio ai giallorossi, pericolosi fino a quel momento solo con le conclusioni dalla distanza di Zaniolo e Pastore.

CONTROPIEDE DECISIVO
La Roma fa scattare la trappola nella ripresa, invitando il Baseksehir a osare. Così, ripartendo con insistenza soprattutto a destra, conquista il suo secondo successo consecutivo. Dzeko spreca due grandi chance davanti a Gunuk, colpendo sempre il portiere in uscira bassa, e vanifica l'esecuzione di Zaniolo, toccando di testa, sulla linea e in posizione di fuorigioco, la palla calciata dal compagno che praticamente è quasi entrata. Rete giustamente annullata. Proprio Zaniolo, dribbling vincente su Topal, gli regala il gol, il terzo in quattro partite stagionali, a porta vuota. Il centravanti fa presto ricambiare: festeggia pure Zaniolo. Tornover, pure, in corsa: Pellegrini per Pastore che trasforma i Fischi in applausi, Veretout per Crsitante e Kalinic, all'esordio, per Dzeko che, 90 reti in 183 presenze in giallorosso, incassa la nuova standing ovation. A fine recupero il poker di Kluivert che, alla quarta gara di fila da titolare, si candida per la quinta, domenica pomeriggio al Dall'Ara contro il Bologna.         

LEGGI LA CRONACA 
 

Ultimo aggiornamento: 20 Settembre, 10:56


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Vacanze studio all’estero: «Ciaone» e zero contatti

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma