Pallone d’oro, trionfa Messi. Polemica Ronaldo: terzo ma è assente. De Ligt miglior giovane, Alisson miglior portiere

Lunedì 2 Dicembre 2019
Pallone d'oro, trionfa Messi. Ronaldo assente a Parigi è terzo. De Ligt miglior giovane, Alisson miglior portiere

Leo Messi vince il Pallone d'oro per la sesta voltaCristiano Ronaldo, già assente l'anno scorso quando arrivò secondo dietro a Luka Modric, stavolta è arrivato terzo e non era presente alla cerimonia al Teatro Chatelet di Parigi. Il portoghese avrebbe spiegato al suo entourage la sua assenza con la necessità di essere presente al Gran Gala del Calcio, a Milano. Secondo si è classificato Virgil van Dijk del Liverpool.

«Ricordo qualche anno fa, quando venni qui a Parigi a ritirare il mio primo Pallone d'oro. Avevo 22 anni e tutto questo era impensabile. Ma non bisogna mai smettere di sognare», ha detto Messi, ricevendo dalle mani di Didier Drogba il suo sesto Pallone d'oro, un record assoluto mai raggiunto da nessun calciatore. Messi ha ringraziato «i compagni, il club, la famiglia», ed ha aggiunto: «non bisogna mai smettere di sognare, bisogna sempre lavorare, migliorarsi. Ringrazio Dio, sono molto fortunato, sono benedetto perché adoro il calcio. Ho ancora qualche anno, poi dovrò abbandonarlo e sarà difficile, il tempo passa molto velocemente».

Il difensore juventino Matthijs de Ligt, ex Ajax, si è aggiudicato il Trofeo Kopa, il premio dedicato al miglior giocatore Under 21 del mondo. Il portiere del Brasile e del Liverpool (ed ex romanista) Alisson è invece il primo vincitore del Trofeo Jascin, il riconoscimento intitolato al grande portiere dell'Urss unico numero 1 vincitore del Pallone d'Oro. Alisson ha vinto davanti a Marc-André Ter Stegen del Barcellona ed Ederson del Manchester City.

LEGGI ANCHE --> Alla Rapinoe il Pallone d'oro femminile

Messi conquista dunque per la sesta volta il Pallone d'oro, trofeo ideato dalla rivista 'France Football'. Dopo quelli del 2009, 2010, 2011, 2012 e 2015 è arrivato quello del 2019 che consente al campione argentino di superare il portoghese Cristiano Ronaldo, fermo a 5, lasciando indietro campioni come Michel Platini, gli olandesi Johan Cruijff e Marco van Basten a 3 trofei, mentre a 2 seguono Franz Beckenbauer, Alfredo Di Stefano, Kevin Keegan, Karl-Heinz Rummenigge e il Fenomeno Ronaldo, nel 1997 a 21 anni il più giovane a ricevere il premio. Il numero 10 del Barcellona è stato premiato questa sera a Parigi. Del resto dal 2008 sono stati anni caratterizzati dal 'duopoliò Ronaldo-Messi, interrotto lo scorso anno solo dal croato del Real Madrid Luka Modric, regista e trascinatore della nazionale finalista contro la Francia ai mondiali di Russia 2018. Grazie al successo di Messi l'Argentina arriva a 6 titoli, davanti per nazioni solo la Germania a 7 (con 5 giocatori diversi), assieme a Olanda (con Gullit nell'87) e Portogallo (con Cr7 oltre a Eusebio e Figo nel 2000).

L'Italia è ferma a 5 dal 2006 di Cannavaro, prima di lui il nazionalizzato Sivori, Rivera, Paolo Rossi e Roberto Baggio. In principio fu Stanley Matthews. Nel 1956 a 41 anni e 11 mesi al centrocampista ex Stoke e Blackpool di Stoke-on-Trent fu assegnato il primo Ballon d'Or o premio al Calciatore europeo dell'anno. L'ultimo, il n.64, è stato assegnato al teatro di Chatelet di Parigi. Non mancano gli assenti illustri dall'albo del Pallone d'oro. Non ci sono i due fuoriclasse come Diego Armando Maradona e Pelè. Fino al 1994 infatti il premio era riservato ai soli giocatori europei, dal 1995 al 2006 solo ai calciatori che giocavano in squadre europee. All'argentino, protagonista degli anni migliori della storia del Napoli e trascinatore della nazionale al successo di Messico 1986, è stato riservato un Pallone d'oro onorifico alla carriera, nel 1996. Tre anni dopo, poi, France Football ha nominato Pelè 'Calciatore del secolo' dopo aver chiamato a votare tutti i vincitori del Pallone d'oro.

La classifica ufficiale del Pallone d'oro 2019
1 - Leo Messi (Argentina/Barcellona)
2 - Virgil van Dijk (Olanda/Liverpool)
3 - Cristiano Ronaldo (Portogallo/Juventus)
4 - Sadio Mané (Senegal/Liverpool)
5 - Mohamed Salah (Egitto/Liverpool)
6 - Kylian Mbappé (Francia/Psg)
7 - Alisson (Brasile/Liverpool)
8 - Robert Lewandowski (Polonia/Bayern Monaco)
9 - Bernardo Silva (Portogallo/Manchester City)
10 - Riyad Mahrez (Algeria/Manchester City)
11 - Frenkie de Jong (Olanda/Ajax poi Barcellona)
12 - Raheem Sterling (Inghilterra/Manchester City)
13 - Eden Hazard (Belgio/Chelsea poi Real Madrid)
14 - Kevin de Bruyne (Belgio/Manchester City)
15 - Matthijs de Ligt (Olanda/Ajax poi Juventus)
16 - Sergio Aguero (Argentina/Manchester City)
17 - Roberto Firmino (Brasile/Liverpool)
18 - Antoine Griezmann (Francia/Atletico Madrid poi Barcellona)
19 - Trent Alexander-Arnold (Inghilterra/Liverpool)
20 - ex aequo: Pierre-Emerick Aubameyang (Gabon/Arsenal) e Dusan Tadic (Serbia/Ajax)
22 - Son Heung-min (Corea del Sud/Tottenham)
23 - Hugo Lloris (Francia/Tottenham)
24 - ex aequo: Kalidou Koulibaly (Senegal/Napoli) e Marc-André Ter Stegen (Germania/Barcellona)
26 - ex aequo: Georginio Wijnaldum (Olanda,Liverpool) e Karim Benzema (Francia/Real Madrid)
28 - ex aequo: Joao Felix (Portogallo/Atletico Madrid), Marquinhos (Brasile/PSG) e Donny van de Beek (Olanda/Ajax).
 

 

Ultimo aggiornamento: 3 Dicembre, 08:21


© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

«Eeeee Macarena!»: la foto che mostra quanto è complicato vivere a Roma

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma