Roma, Fienga: «Se collaboriamo con la nuova amministrazione, progetto stadio approvabile in un anno»

Roma, Fienga: «Se collaboriamo con la nuova amministrazione, progetto stadio approvabile in un anno»
3 Minuti di Lettura
Martedì 14 Settembre 2021, 13:21 - Ultimo aggiornamento: 19:51

È tornato a parlare sul progetto del nuovo stadio della capitale Guido Fienga, Ceo della Roma, che da quando ha sposato la causa giallorossa si è posto in prima linea per la costruzione di una nuova struttura che valorizzi lo sport non solo romano ma anche nazionale. E ha parlato di quello che potrebbe essere l'immediato futuro del progetto, ancora in fase embrionale, e le cui sorti dipenderanno soprattutto dalla nuova amministrazione e dall'unione di intenti che ci sarà con essa.

Stadio Roma, le parole di Fienga

«Lavoreremo con la futura Amministrazione per realizzare insieme lo stadio della Roma: sulla base dell'esperienza avuta, quello che ci aspettiamo dal nuovo sindaco,  chiunque sia, è che i tempi di approvazione siano all’altezza di un progetto così ambizioso e importante non solo per i nostri tifosi ma per l’intera comunità; come abbiamo visto un iter di approvazione troppo lungo rischia di far perdere significato al progetto stesso, alterando di fatto le condizioni per il suo successo. Iniziando a lavorare subito dopo le elezioni da vicino con la nuova giunta , congiuntamente passo dopo passo, noi crediamo fortemente che il progetto si possa approvare entro un anno dalla sua presentazione.  

Campagna elettorale - «Stiamo seguendo con interesse l'andamento, desiderosi di conoscere le idee dei candidati in merito al progetto dello Stadio: in generale il futuro della città è un tema che non può che stare molto a cuore al nostro Club, impegnato in diverse attività sul territorio ormai da anni. Il legame tra Roma e AS Roma è inscindibile».

7 giorni su 7 - «Per quanto riguarda nello specifico il nuovo stadio, vogliamo una nostra casa, dove i romanisti possano “vivere” il Club sette giorni su sette e non solo nel giorno della partita
Negli ultimi mesi abbiamo già detto più volte quali sono i presupposti di questo nuovo stadio: dovrà essere pienamente compatibile con la città, ovvero in grado di integrarsi con il territorio cittadino il più vicino possibile ai quartieri dove vivono i nostri tifosi.
Per questa ragione abbiamo più volte utilizzato espressioni come sostenibile e verde: dovrà essere “soltanto” uno stadio, motore di riqualificazione e sviluppo, senza necessità di altri progetti dal forte impatto urbanistico per la sua realizzabilità»

Stadio per i tifosi - «Uno stadio che vada incontro alle esigenze dei tifosi e della città, semplice da raggiungere, in un’area già dotata di infrastrutture adeguate e in grado di migliorare l’esperienza che vivono i nostri sostenitori da quando escono di casa a quando, dopo la partita, ci fanno ritorno»

Poco tempo - «Una volta che la nuova giunta si insedierà, la Roma sarà immediatamente a sua disposizione per lavorare insieme a quello che a nostro avviso resta uno dei maggiori progetti industriali fondamentali per la ripresa economica della nostra amata Citta'. Bisogna fare presto».

Stadio Tor di Valle, la Roma rinuncia: «Non ci sono i presupposti per il progetto»

© RIPRODUZIONE RISERVATA