Febbre Milan, entusiasmo alle stelle dei tifosi orientali: Bonucci il più acclamato, tensione con Kessie per la 19

Febbre Milan, entusiasmo alle stelle dei tifosi orientali: Bonucci il più acclamato, tensione con Kessie per la 19
di Salvatore Riggio
2 Minuti di Lettura
Mercoledì 19 Luglio 2017, 13:21 - Ultimo aggiornamento: 20 Luglio, 18:09

Nonostante la sconfitta rimediata contro il Borussia Dortmund (3-1), c'è grandissimo entusiasmo in Cina attorno al Milan di Vincenzo Montella. In Estremo Oriente sono sbarcati anche i nuovi arrivi: con Bonucci c'erano anche Conti, Andrè Silva e Biglia. Ed è stato proprio il difensore ex Juventus, e futuro capitano rossonero, il più acclamato dai tifosi milanisti presenti al campo di allenamento. In questi giorni, nelle prossime 48 ore, ci sarà da capire la questione legata alla maglia numero 19. Casacca attualmente sulle spalle di Kessie, ma che dovrà passare a Bonucci. C’è un po’ di tensione su questa decisione presa dal club di via Aldo Rossi ed è per questo che tutto dovrà essere risolto entro sabato 22, giorno dell’amichevole contro il Bayern Monaco, visto che entrambi saranno in campo.

Così Mirabelli e Abbiati parleranno con i due giocatori per trovare un compromesso importante (al mini summit non parteciperà Montella). Il centrocampista potrebbe avere la maglia numero 14. Tornando alla tournée cinese, i nuovi arrivati non hanno svolto l'allenamento mattutino, per poi scendere in campo nel pomeriggio con i nuovi compagni di squadra. Il Milan sta preparando l'ultima amichevole in Cina, a soli 5 giorni dalla trasferta romena in casa dell'Universitatea Craiova (ritorno giovedì 3agosto a San Siro, diretta su Canale 5). Una partita molto attesa in via Aldo Rossi per cominciare a testare il nuovo Milan, che sul mercato ha speso oltre 200 milioni di euro e ha già l'accordo in mano con Belotti. L'ostacolo è soltanto il Torino, che si può convincere con 60 milioni di euro cash più i cartellini di Paletta e Niang (Locatelli, invece, potrebbe essere trattato in un secondo momento). Poi, si penserà a Kalinic.

© RIPRODUZIONE RISERVATA