Lotito stoccata a Figc: «Immobile era sano, poi si è infortunato». La replica: «Stava già male, non ha mai messo piede in campo a Coverciano»

Lotito stoccata a Figc: «Immobile era sano, poi si è infortunato...»
di Daniele Magliocchetti
3 Minuti di Lettura
Giovedì 11 Novembre 2021, 11:54 - Ultimo aggiornamento: 12:15

Lotito duro con la Federazione per l'infortunio di Ciro Immobile. Non ha mandato giù il problema del suo bomber in Nazionale e oggi, durante la presentazione del nuovo tour dello stadio Olimpico, con il presidente Gravina a due passi, il patron della Lazio non ha perso tempo e ha dato una frustata allo staff medico azzurro: «Quando è partito so che non c'erano problemi né da parte sua, né da parte dei nostri medici, non c'era alcuna questione clinica da verificare. Io non so come si sia allenato a Coverciano, a parte o no si è comunque allenato».

Il numero uno biancoceleste è un fiume in piena e più parla, più il tema lo infastidisce: «Potrebbe anche essere che non doveva allenarsi. Immobile è tornato con un edema che non consente di valutare immediatamente l’entità del problema. Ora stiamo facendo riassorbire l’edema e poi faremo i test necessari per verificare la situazione». Lotito ha il timore di perdere il suo giocatore più importante per diverso tempo, a partire dalla sfida con la Juve alla ripartenza: «Noi come Lazio abbiamo un’assistenza particolare, siamo abituati a prevenire certe situazioni. Abbiamo pochi infortuni e cerchiamo di prevenire ogni situazione, ma quando i giocatori passano tra le mani di altri staff si possono verificare situazioni che forse potevano essere evitate».

Lotito: «Infortunio Immobile? Quando giocatori passano ad altre mani...»

Lotito-Figc, la replica: «Immobile stava già male, non ha messo piede in campo a Coverciano» 

A stretto giro è arrivata anche la replica della Figc che ha fatto sapere che Immobile stava già male, ha detto che voleva provarci, non ha mai messo piede in campo a Coverciano. Il professor Andrea Ferretti, Responsabile Area Medica della Nazionale: «Ciro Immobile si è presentato al raduno riferendo un dolore al polpaccio insorto nella partita del giorno prima. Come gli altri giocatori arrivati in condizioni non perfette, è stato previsto un recupero in acqua per il giorno dopo e nessuno di loro si è allenato. Trascorse le 36 ore canoniche, abbiamo sottoposto Ciro e altri a una risonanza magnetica. Mostrava dei segni di sofferenza al muscolo soleo sulla base dei quali è stato ritenuto non recuperabile per le nostre partite. Ed è tornato in sede. Il fatto che non fossimo stati informati può succedere nella concitazione del dopo partita. Può succedere che i nostri colleghi omettono di segnalare l’accaduto. Nessun problema».

© RIPRODUZIONE RISERVATA