Lo Spezia spreca, il Genoa respira. Il derby ligure finisce 1-1

Lo Spezia spreca, il Genoa respira. Il derby ligure finisce 1-1
di Marco Callai
3 Minuti di Lettura
Martedì 26 Ottobre 2021, 20:36 - Ultimo aggiornamento: 20:42

Un piccolo passo in classifica per entrambe, sempre a strettissimo contatto con la zona calda, ma questa sera è Thiago Motta a mangiarsi le mani dopo le tante occasioni fallite dallo Spezia per vincere questo suo secondo derby ligure consecutivo dopo quello perso venerdì sera contro la Sampdoria. La fortuna strizza l’occhio agli aquilotti al 66’ con la carambola palo-schiena di Sirigu dopo il tiro di Colley ma poi sbarra la strada verso la vittoria. Troppi errori davanti al portiere del Genoa e allora Ballardini può tirare l’ennesimo sospiro di sollievo per l’ennesimo risultato insperato riacciuffato nel finale. Caicedo si procura il rigore che Criscito trasforma. L’1-1 finale sta certamente più stretto allo Spezia, comunque ancora un gradino sopra il Grifone in classifica.

Roma, il quarto posto da consolidare. Il piano di Mourinho

Lo Spezia spreca, il Genoa respira. Il derby ligure finisce 1-1

LA PARTITA -  Thiago Motta punta, in blocco, sulla stessa formazione a eccezione dell'impiego di Nzola al posto di Antiste. Ballardini cambia parte della linea mediana.  Primo tempo all'insegna della paura di scoprirsi e di esporsi al contrattacco avversario. È lo Spezia a tenere timidamente il pallino del gioco e a impostare la manovra con maggiore convinzione. Gli inserimenti di Gyasi sono oggetto del contenimento da parte di in attento Cambiaso. Dall'altro parte è a Kallon a cercare di entrare dentro le linee difensive spezzine.

Il Genoa è più pericoloso dalla mezz'ora in avanti. Il primo affondo è di Ekuban (alto) e poi è Destro a tentare più volte di smarcarsi davanti a Provedel. Salva Ferrer lo controlla bene tranne al 45' quando l'attaccante rossoblu non inquadra lo specchio della porta. 

Il secondo tempo vede ancora il Grifone andare alla ricerca del gol con maggiore insistenza nei minuti iniziali. Lo Spezia si sveglia e reagisce con veemenza: il palo colpito da Gyasi al 58’ è il primi campanello d’allarme per Ballardini. Thiago Motta inserisce Colley e la sua scelta, dopo ancora una clamorosa palla gol fallita da Gyasi (64’), viene premiata al 66’. La barriera rossoblù respinge la punizione di Salcedo, poi è Colley a calciare all’indirizzo della porta avversaria. Ancora palo, poi pallone sulla schiena di Sirigu prima di infilarsi in rete. Entrano prima Caicedo e poi Pandev ma i padroni di casa, tra il 77’ e l’84’, hanno altre tre chance per segnare: Sirigu salva la sua porta due volte su Nzola, nel mezzo Colley manca lo specchio dopo aver eluso l’intervento di Vasquez.

Chi sbaglia paga. Regola puntualmente applicata al Picco quando all’86’ Provedel atterra Caicedo in area. E’ rigore e Criscito spiazza il portiere degli aquilotti. Anche il finale è incandescente ma né Destro né Nzola riescono a piazzare il colpo partita. Finisce 1-1.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA