La Sampdoria cala il tris e fa il bis di vittorie. Il Crotone resta ultimo

La Sampdoria cala il tris e fa il bis di vittorie. Il Crotone resta ultimo
di Marco Callai
3 Minuti di Lettura
Sabato 19 Dicembre 2020, 20:23

Seconda vittoria consecutiva per la Sampdoria. Dopo il blitz di Verona, arriva un confortante 3-1 casalingo contro il Crotone, tutt’altra squadra per gioco e valori rispetto a quella umiliata (4-1) dal Genoa alla prima di campionato. Il successo nasce dagli esterni, Jankto e Damsgaard, bravi a ispirare e finalizzare in occasione dei primi 2 gol. Ottima lettura di Ranieri che ne inverte le posizioni traendo massimo beneficio. Il Crotone resta in partita grazie al rigore trasformato da Simy al 45’ ma nella ripresa, anziché crescere, cala e la Samp ne approfitta per chiudere il conto con Quagliarella. Liguri ora tranquilli a quota 17, nella parte sinistra della classifica, e calabresi, invece, sempre ancorati all’ultimo posto.

Keita Balde torna a disposizione di Ranieri e si accomoda in panchina con Quagliarella e Candreva, nuovamente convocato dopo la pace con il tecnico romano sancita dal diesse Osti. Ancora Verre sulla trequarti, ancora La Gumina punta centrale. Stroppa inserisce Magallan in difesa dall’inizio e davanti ricompone la coppia Messias-Simy

Dopo appena 5 minuti, Ferrari cade a terra e fa segno subito di non poter continuare. Il suo posto, in difesa a sinistra, lo prende Thorsby. La Sampdoria prende, per un quarto d’ora, il possesso del campo senza minimamente creare problemi a Cordaz. Il Crotone non bada solo a difendersi. Messias è una spina nel fianco di Colley. I suoi movimenti mettono Petriccione in condizione di calciare a lato di poco da buonissima posizione.

Al 26’ Verre recupera palla a centrocampo, serve Jankto a sinistra che, una volta guadagnato il fondo, mette a disposizione di Damsgaard un pallone che chiede solo di esser spinto in porta. Manganiello aspetta il  Seconda rete dopo quella segnata in ottobre alla Lazio. L’inversione degli esterni a partita in corso regala subito gli effetti attesi. La storia si ripete al 36’, il ceco e il danese si ricambiano i favori. L’azione del raddoppio della Sampdoria prende origine dalla destra: Damsgaard ricama per La Gumina che calcia male ma involontariamente offre l’assist a Jankto, bravo a superare Cordaz.

Il Crotone non demorde. La pressione dei minuti finali si concretizza nel rigore fischiato da Manganiello per il fallo commesso da Ekdal, che in area si aggrappa a Reca mentre lo sta saltando. Simy è molto preciso, Audero intuisce ma non ci arriva. 

Il secondo tempo vede la Sampdoria tornare a esprimersi con un fitto palleggio. Pressing alto sui portatori di palla quando è il Crotone a dover impostare la manovra. All’ora di gioco esatta, Ranieri toglie Verre e La Gumina e li sostituisce con Ramirez e Quagliarella. Scelta subito ripagata da una felice palla inattiva. Su angolo da sinistra, la spizzata di Ekdal è oro colato per la deviazione vincente di Quagliarella. Stroppa si gioca la carta Riviere per gli ultimi 20 minuti. I tentativi finali si infrangono sui guantoni di Audero (71’ Reca) o sui cartelloni pubblicitari. Quagliarella segna anche il gol del poker in pieno recupero ma Manganiello, su indicazione VAR, annulla per fuorigioco di Candreva.  Sarebbe stata una punizione eccessiva per quanto mostrato dal Crotone nell’arco dei 90 minuti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA