Basket, Teodosic incanta all'esordio. La Virtus Bologna aggancia Sassari in testa

Domenica 6 Ottobre 2019 di Marino Petrelli
Nel giorno della prima vittoria della Virtus Roma e della De Longhi Treviso in Serie A, l'Italia abbraccia Milos Teodosic che all'esordio dopo oltre un mese di infortunio incanta con 22 punti e statistiche impressionanti: 3/3 da due, 4/6 da tre, 6/6 ai liberi, 7 assist. La Segafredo batte Venezia e aggancia Sassari in testa alla classifica a punteggio pieno. Dietro un gruppo di squadre interessanti a quattro punti, ovvero Varese, Brindisi, Brescia, Trento, Milano e Fortitudo Bologna. Pistoia, Pesaro e Trieste ancora a zero punti

Vittorie nette per Reggio Emilia, Varese e Treviso rispettivamente a Desio contro Cantù e in casa con Fortitudo e Pistoia. La Grissin Bon domina 75-92 con 6 uomini in doppia cifra. Vojvoda segna 15 punti, Mekel 11 punti e 10 rimbalzi. Per l’Acqua San Bernardo 16 punti a testa per Clark, Hayes e Young. Tutto facile per gli uomini di Attilio Caja che spazzano via 83-60 la Pompea Fortitudo Bologna grazie ad una pioggia di triple (14 su 29). Jakovics e Vene chiudono a quota 19 punti a testa. Per gli ospiti 18 punti di Aradori. La De’Longhi si affida al binomio Fotu-Logan, 17 punti a testa, per regalarsi il primo successo stagionale. Singolare la doppia doppia di Nikolic: 15 punti e 11 falli subiti. Pistoia cede 87-72, non bastano ai toscani i 17 punti di Petteway. 

VIRTUS ROMA - VANOLI CREMONA 97-94

Roma trova la prima vittoria in Serie A dopo quattro anni dal ritorno in massima serie. Dyson, 25 punti e 6/10 da tre, è il protaginista per i capitolini. Bene anche Buford, 20 punti, e Jefferson, 17 punti e otto rimbalzi. Cremona è avanti 23-26 al primo riposo, ma Roma gioca diversamente rispetto a sette giorni fa e chiude avanti 50-49 al riposo lungo. La squadra di Bucchi, alla panchina numero 100 in Serie A con Roma, difende con intensità e si trova avanti 84-77. Cremona non ci sta e trova il contro sorpasso, 86-87. Ultimo minuto tutto firmato da Dyson: canestro del 91-89, palla persa, libero per il 92-91, tripla pazzesca del 95-91. Diener riduce, Buford mette i liberi della vittoria. 

AX MILANO - PALLACANESTRO TRIESTE 88-73

Si gioca al Pala Lido a campo invertito per l'indisponibilità dell'Allianz Dome di Trieste per problemi legati al maltempo dei giorni scorsi. Setgio Rodriguez e Scola incantano, Roll segna a ripetizione (22 punti per lui). Al settimo è già 17-8 per l'Olimpia, il divario si dilata al riposo lungo, 44-28. Trieste prova a rientrare, ma un time out di Messina rimette le cose a posto. Milano vola sul 70-51, gli ospiti tentano di restare aggrappati ad una partita troppo difficile. Finisce 88-73 con 15 punti di Rodriguez e 13 di Scola, arrivato da quattro giorni e già assoluto protagonista a quasi 40 anni. 

SEGAFREDO BOLOGNA - UMANA REYER VENEZIA 75-70

La scena è tutta per Milos Teodosic, accolto da un boato all'ingresso in campo per il riscaldamento. Alla fine ne scriverà 22 punti e sette assist. Coreografia meravigliosa della curva virtussina che festeggia i 40 anni dei Boys, gruppo storico tra le tifoserie italiane. Venezia non si lascia travolgere, dopo dieci minuti è avanti 13-19, al riposo lungo è 35-39 con Daye che tiene botta in attacco. La difesa veneziana costringe la Virtus ad alcune forzature, al 30esimo è 52-58. Nell'ultimo quarto i padroni di casa salgono in cattedra, Weems e Hunter trovano canestri importanti e c'è il sorpasso. Daye si spegne (alla fine 12 punti, appena due nella ripresa), la Virtus vince 75-70 e resta imbattuta dopo tre giornate insieme a Sassari. Weems ne fa 16, Markovic è tutto tranne il "vice Teodosic", per lui 10 punti e sei assist. Hunter 16 punti. Per Venezia, alla seconda sconfitta consecutiva, Watt 16 punti e otto rimbalzi.  Ultimo aggiornamento: 23:45 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il marito della sindaca e la tv: «L’unico Matteo è nostro figlio»

di Simone Canettieri

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma