Tumore della prostata, in Gran Bretagna via libera al farmaco che allunga la speranza di vita di un terzo

È la forma di cancro più comune negli uomini e ogni anno in Inghilterra viene diagnosticato a circa 47.000 persone

Cancro alla prostata, in Gran Bretagna via libera al farmaco che allunga la speranza di vita
3 Minuti di Lettura
Lunedì 28 Novembre 2022, 11:25 - Ultimo aggiornamento: 29 Novembre, 10:52

Tumore prostata - Circa 9.000 uomini affetti da una delle forme più avanzate di tumore della prostata potranno beneficiare di un nuovo farmaco che allunga la vita. Succede in Gran Bretagna dove il sistema sanitario nazionale diventerà il primo fornitore di assistenza sanitaria in Europa a distribuire la darolutamide ai pazienti il cui cancro alla prostata si è diffuso in altre parti del corpo.

La sperimentazione del farmaco ha dimostrato che le possibilità di vivere più a lungo aumentano di un terzo negli uomini che in precedenza non erano stati trattati.

Il farmaco agisce ostacolando i recettori degli androgeni nelle cellule tumorali, bloccando così l'effetto del testosterone che permette alle cellule tumorali di sopravvivere e moltiplicarsi. La darolutamide (il farmaco si chiama Nubeqa), è già disponibile sul sistema sanitario nazionale britannico. 

Ipsos e Fondazione Pro: progetto screening per familiarità del tumore prostatico

Il farmaco viene solitamente assunto in compresse con il cibo e in combinazione con la terapia di deprivazione androgenica (ADT) e la chemioterapia con docetaxel.

Lo studio, che si è svolto in quasi 300 siti in tutto il mondo, ha rilevato che i pazienti che hanno ricevuto la darolutamide avevano il 32,5% di probabilità in meno di morire rispetto a quelli a cui erano stati somministrati solo ADT e docetaxel.

L'NHS inglese ha dichiarato che inizierà a offrire il farmaco ai pazienti affetti da cancro alla prostata idonei entro poche settimane. Il cancro alla prostata è il tumore più comune negli uomini e ogni anno in Inghilterra viene diagnosticato a circa 47.000 persone. Quasi 9.000 si ammalano di cancro alla prostata aggressivo che si è diffuso ad altre parti del corpo.

Amanda Pritchard, dirigente dell'NHS, ha dichiarato: «È fantastico che i pazienti inglesi saranno i primi in Europa a ricevere questo trattamento per una forma davvero avanzata e aggressiva di cancro alla prostata, grazie alla rapida messa a punto di un nuovo farmaco da parte dell'NHS».

Familiarità tumore prostata, prof. Mirone: serve sforzo culturale

Chiara De Biase, direttrice del supporto e dell'influenza dell'organizzazione benefica Prostate Cancer UK, ha dichiarato: «Sapere di avere un cancro alla prostata in stadio avanzato può essere devastante e abbiamo urgentemente bisogno di nuovi trattamenti per aiutare questi uomini a vivere più a lungo. Per questo è fantastico che migliaia di uomini possano accedere precocemente alla darolutamide, accanto alla tradizionale terapia ormonale e alla chemioterapia, che potrebbe migliorare notevolmente la loro sopravvivenza».

Il direttore nazionale dell' NHS per il cancro, il professor Peter Johnson, ha dichiarato: «Sappiamo che il cancro alla prostata è la forma di tumore più comune tra gli uomini ed è fondamentale che il NHS continui a diagnosticare i pazienti il più precocemente possibile e ad ampliare il nostro arsenale di trattamenti all'avanguardia per aumentare le possibilità di sopravvivenza».

Lilt, è iniziato il “Percorso Azzurro” contro i tumori maschili

© RIPRODUZIONE RISERVATA