Spari al ladro a Monterotondo, fermati tre complici del 16enne

Sabato 4 Maggio 2019 di Morena Izzo
2

Sono stati identificati e portati in caserma dai carabinieri della compagnia di Monterotondo, gli altri tre componenti della banda, che venerdì 26 aprile si sono introdotti nell’abitazione di Andrea Pulone, il ventinovenne di Monterotondo, che nel tentativo di sventare un furto ha ferito uno di loro con un colpo di pistola. Il giovane, un sedicenne di nazionalità albanese, è ancora ricoverato al Policlinico Gemelli, dove è stato operato all’addome. E’ qui che era stato lasciato dopo il tentato furto da un’auto poi rintracciata dai carabinieri attraverso le immagini di videosorveglianza dell’ospedale e di Monterotondo.

Leggi anche: Spara ai ladri e ferisce 16enne, il procuratore: «Scorta h24 per il proprietario di casa»

La posizione di quelli che i carabinieri ritengono possano essere i suoi complici, è ora al vaglio degli inquirenti. I tre componenti della banda di cui farebbe parte il ragazzo rimasto ferito da uno dei cinque colpi esplosi da Pulone con la sua Glock 21 regolarmente detenuta - che ora è indagato per eccesso colposo di legittima difesa - sono stati rintracciati dai carabinieri di Monterotondo, diretti dal capitano Salvatore Ferraro, che in questi giorni hanno effettuato controlli a tappeto su tutto il territorio. Al setaccio non solo la zona in cui è avvenuto il tentativo di furto, ma anche a Roma. E infatti i tre sospettati sono stati trovati in zona Borghesiana. E’ qui che vivono.

LE INDAGINI
I militari hanno continuato a lavorare incessantemente in questi giorni per chiudere il cerchio. Attraverso le immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza, l’individuazione della macchina che sarebbe stata utilizzata per la rapina e le intercettazioni, sono riusciti a scovarli e a portarli in caserma dove sono stati ascoltati tutta la notte, per cercare di ricostruire quanto accaduto. Nelle prossime ore la procura di Tivoli valuterà quali provvedimenti adottare nei loro confronti. «Poteva andare diversamente – ha commentato giovedì su La7 a Piazza Pulita, Andrea Pulone, che era in casa con la sua fidanzata quando i ladri sono entrati nella sua abitazione – ed essere l’ennesimo episodio di cronaca in cui c’era un ragazzo massacrato di botte e una ragazza violentata da una banda che fa colpi simili». 

Ultimo aggiornamento: 11:19 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Il percorso ad ostacoli dei turisti della Capitale

di Mauro Evangelisti

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma