Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Trattati, quattro cortei, sit-in e 20mila manifestanti: è massima allerta per Euro stop e i No Tav Le mappe

Trattati, quattro cortei, sit-in e 20mila manifestanti: è massima allerta per Euro stop e i No Tav Le mappe
di Fabio Rossi
2 Minuti di Lettura
Martedì 21 Marzo 2017, 09:51
Quattro cortei, a cui parteciperanno almeno ventimila persone, due sit-in e altre iniziative sul tema dei sessant'anni dei Trattati di Roma. Sabato per la Capitale sarà una giornata ad alta tensione e, sicuramente, con molti disagi per chi abita, lavora o semplicemente si troverà a passare nelle zone centrali della città. Saranno tremila gli agenti dispiegati per garantire la sicurezza, non solo a protezione delle zone blu e verde (quelle soggette a controlli e limitazioni), ma anche per garantire che tutto fili liscio nelle manifestazioni organizzate dal variegato fronte anti Unione europea: vi saranno rappresentanze di estrema destra ed estrema sinistra, con tutti i rischi connessi.



I PERCORSI
Quattro le manifestazioni mobili, quelle che prevedono un corteo per le strade della Capitale. In mattinata, con partenza alle 11, toccherà al corteo della Nostra Europa (dall'Arci a Legambiente a decine di associazioni a sinistra), che si muoverà da piazza Vittorio all'Arco di Costantino. Sempre alle 11, il Movimento federalista europeo sfilerà da Bocca della Verità fino all'Arco di Costantino. Nel pomeriggio, alle 15 scenderà in piazza il Polo sovranista - quello che fa riferimento, tra gli altri, a Gianni Alemanno e Francesco Storace - che percorrerà l'itinerario da piazzale Esquilino ai Fori Imperiali.



I RISCHI
Ma quello che desta le maggiori preoccupazioni è il corteo di Euro stop, che partirà alle 15 da Porta San Paolo per arrivare alla Bocca della Verità. Previste ottomila persone, dai No Tav ai centri sociali. A Bocca della Verità c'è il pericolo che alcuni manifestanti sfidino i reparti mobili della polizia, che saranno schierati con mezzi pesanti provvisti di gabbie, e tentino di sfondare la blue zone. Le manifestazioni statiche, senza corteo, sono invece in programma alle 10 all'Auditorium Angelicum, al Rione Monti, dove ci saranno gli attivisti di Fratelli d'Italia, e alle 11 in piazzale Tiburtino, organizzata dal Partito comunista.
Fa.Ro.
© RIPRODUZIONE RISERVATA
© RIPRODUZIONE RISERVATA