Rieti, per Capradosso stagione
da dimenticare e futuro incerto.
Il biancio di ds, mister e capitano

Sabato 15 Giugno 2019 di Raffaele Passaro
Una delle formazioni del Capradosso (Foto Passaro)
RIETI - Stagione 2018-19 da dimenticare per Capradosso, nel campionato di Prima categoria. La formazione granata, nonostante un ottimo avvio, ha avuto una crisi interna verso la fine del girone d’andata, che ha causato l’addio di alcuni senatori del gruppo e le dimissioni del mister Marco Pompili. A cercare di salvare il salvabile è arrivato il mister Peppino Tulli che, grazie alla sua esperienza, è riuscito a ricompattare il gruppo e portare la formazione reatina in zona salvezza. Rispetto alle aspettative inziali, la stagione è progredita non nel migliore dei modi, complice anche un po’ di sfortuna nonostante il gioco e l’unione del gruppo finalmente ritrovato con mister Tulli. Il mister Tulli, il ds Franco Tempesta e il capitano Tiziano Buzzi ci raccontano del bilancio di fine stagione. Futuro ancora incerto per i granata, che a breve si incontreranno e decideranno il da farsi per la prossima stagione. Sicuramente, mister Tulli non siederà sulla panchina del club reatino: dopo 49 anni consecutivi nel mondo del calcio (prima come giocatore e poi come coach), uno degli allenatori più titolati della nostra provincia si ferma perché, proprio come ci dichiara mister Tulli «è ora di dare spazio ai giovani».
 
IL DIRETORE SPORTIVO
Franco Tempesta (Direttore Sportivo Capradosso): «Bilancio, a mio parere, negativo. Le aspettative di inizio stagione parlavano di altro, anche perché personalmente ero riuscito a portare in maglia granata alcuni buoni giocatori per poter giocare un ottimo campionato. Fino al 14 dicembre eravamo piazzati al secondo posto, a -1 dalla capolista. Subito dopo, a causa di varie vicissitudini e circostanze, alcuni giocatori si sono tirati indietro e da quel momento è cominciata la nostra parabola discendente. Con l’arrivo di mister Tulli, abbiamo inserito in panchina un grande allenatore, un uomo capace di riunire tutto il gruppo-squadra e di portarci alla salvezza.Sono molto soddisfatto del lavoro di mister Tulli, sia per la parte calcistica che per aver ricompattato il gruppo. Sinceramente, mi sarei aspettato qualcosa in più dalla società e dai giovani che hanno militato con la nostra maglia: quest’ultimi, perciò, vanno ancora guidati bene, in quanto inesperti. Futuro? Ancora non si è deciso nulla…a giorni dovremmo incontrarci tutti insieme per decidere il cammino. Spero che non passi troppo tempo, anche perché in giro ci sono molte situazioni interessanti da valutare…».
 
IL MISTER
Peppino Tulli (Allenatore Capradosso): «Sono subentrato a dicembre, dopo alcuni inaspettati addii di alcuni senatori della squadra. Da quando sono divenuto io l’allenatore, ho cercato di ricompattare il gruppo, portandolo circa a 20 unità presenti agli allenamenti. Sono molto soddisfatto della frequenza e della partecipazione, nonché dell’impegno profuso dei ragazzi, nonostante dei risultati poco positivi. Anche se in pochi, siamo sempre andati a giocare le gare…è uno scandalo, a mio avviso, non presentarsi alle partite! Abbiamo tenuto duro senza infamia e senza lode. La cosa che mi ha fatto più piacere è stata quella di aver ricompattato il gruppo-squadra e di averlo consegnato unito alla società a fine stagione. Futuro? Non sarò l’allenatore per la prossima stagione nel Capradosso. In realtà, ho deciso di fermarmi! Dopo 49 anni consecutivi di calcio, prima come giocatore e poi come allenatore, ho bisogno di riposarmi e dedicarmi anche un po’ alla mia famiglia. E’ giusto che ora al mio posto ci si segga un giovane allenatore. Dobbiamo dare spazio ai giovani, sia giocatori che allenatori! Inoltre, dobbiamo cercare di dare spazio ed avvicinare i giovani al mondo del calcio. Mi permetto di dare un consiglio ai giovani calciatori ed ai mister in erba: siate umili…parlate poco e fate tanto! Infine, desidero ringraziare la società per avermi concesso l’occasione di farmi allenare questa squadra. In particolare, rivolgo un affettuoso ringraziamento al ds Franco Tempesta: nonostante tutto, lo vedo ancora energico e pieno di entusiasmo…è un vero esempio per tutti!».
 
IL CAPITANO
Tiziano Buzzi (Centrocampista e Capitano Capradosso): «Bilancio, purtroppo, negativo per quelli che erano gli obiettivi iniziali. Prima parte di stagione sicuramente negativa, visto che abbiamo perso qualche giocatore importante; c'è stato il cambio di allenatore (non che il problema fosse il vecchio allenatore) e un momento di leggero sbandamento. Nella seconda parte di stagione, con l'arrivo di qualche nuovo giocatore e del nuovo mister Tulli, le cose sono migliorate: abbiamo ricreato il gruppo che era venuto a mancare e abbiamo disputato, a parer mio, buone partite, anche se i risultati spesso non sono stati positivi».
 
LA ROSA
Portieri: Simone Santarelli, Valeriano Sechi.
Difensori: Francesco Carloni, Andrea Massimi, Maurizio Tomassetti, Federico Cipolloni, Moussa Loua, Luca De Fulgentiis, Antonello Formichetti, Matteo Formichetti, Giuseppe Nicoli.
Centrocampisti: Tiziano Buzzi, Gabriele Cenciotti, Marco De Massimi, Marco Salusest, Ettore Serafini, Gabriele Tosoni, Mirko Tomassetti.
Attaccanti: Cosimo Recchia, Simone Ortenzi, Alessandro Micaloni, Mauro Falasca, Amara Diomande.
 
STAFF TECNICO
Allenatore: Peppino Tulli.
Preparatore Atletico: Fabrizio Massimi.
 
I DIRIGENTI
Presidente: Giampaolo Micaloni.
Vice-Presidente: Raimondo Tomassetti.
Direttore Sportivo: Franco Tempesta.
Collaboratore Direttore Sportivo: Matteo Gunnella.
Segretario: Giampaolo Falasca.
Consiglieri: Giuseppe Bastioni, Luciano Micaloni. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Vita spericolata di una mamma quando i figli sono in vacanza

di Raffaella Troili

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma