Ruba cellulare al centro Perseo:
uomo sorpreso e arrestato
da carabiniere fuori servizio

Il centro commerciale Perseo
2 Minuti di Lettura
Lunedì 26 Novembre 2018, 13:00

RIETI - Nella serata di domenica 25 novembre, i carabinieri hanno tratto in arresto in flagranza di reato, per i reati di furto e minacce a pubblico ufficiale, un uomo - C.S. A. lle sue iniziali - di 38 anni, originario di Scandriglia, già noto alle forze dell’ordine per i sui numerosi trascorsi.

Ad operare l’arresto, un carabiniere della compagnia di rieti libero dal servizio. Il militare si trovava con i propri familiari all’interno del centro commerciale “Perseo”, quando la sua attenzione veniva attratta da un soggetto,che si aggirava con atteggiamento guardingo e circospetto nei pressi di uno stand commerciale di telefonia mobile. Il carabiniere notava anche che l’uomo fissava insistentemente un telefono cellulare di proprietà dell’addetto alle vendite che era stato lasciato sul bancone dello stand, mentre quest’ultimo era impegnato nel servire alcuni clienti.

Credendo di non essere visto, con un movimento furtivo l’uomo si impossessava del telefono cellulare e si allontanava a passo veloce cercando di passare inosservato. Il militare procedeva immediatamente ad inseguire il soggetto bloccandolo nei pressi dell’uscita del centro commerciale, riuscendo a recuperare il telefono cellulare appena rubato. Il telefono, del valore di circa 350 euro, veniva restituito al legittimo proprietario.

L'uomo, invece, veniva trasferito presso il comando provinciale di Rieti con l’ausilio di altro personale in uniforme intervenuto sul posto. Nel corso degli accertamenti, l’uomo, nel tentativo di intimorire i carabinieri, rivolgeva ripetutamente pesanti minacce al militare che lo aveva sorpreso e bloccato.

Sulla scorta di quanto accaduto, il 38enne di Scandriglia veniva tratto in arresto con l’accusa di furto aggravato e minaccia a pubblico ufficiale. Sono in corso accertamenti volti a verificare se l’uomo possa essere autore di altri furti avvenuti nei giorni scorsi nella città di Rieti, anche all’interno di uffici pubblici, in danno di ignari cittadini.

© RIPRODUZIONE RISERVATA