Kienergia in 5 contro Orzinuovi: conta solo l'orgoglio. La protesta dei tifosi contro la Lega

Un time out a Orzinuovi (foto Giovanni Zanotti)
di Emanuele Laurenzi
3 Minuti di Lettura

RIETI - Solo l’orgoglio. È l’unica cosa che nessun regolamento potrà mai togliere a questa Npc Rieti, in campo ancora una volta per giocare una partita senza storia e senza speranza, probabilmente persa prima ancora di andare in campo. Oggi alle 18 al PalaSojourner s’alzerà la palla a due per la prima di ritorno del girone blu della fase a orologio. Sarà la replica di quella giocata mercoledì contro l’Agribertocchi Orzinuovi, stavolta a campi invertiti.

I lombardi, che all’andata si sono imposti 94-63, si ritroveranno faccia a faccia con quel che resta di una squadra di pallacanestro: se 4 giorni fa erano in 6 gli avversari in amarantoceleste, stasera saranno solo 5 i giocatori che il coach Alessandro Rossi potrà schierare, perché alla fine ha dato forfait anche Matteo Piccoli, infortunatosi dopo 2’ della partita giocata mercoledì sera. A dirla tutta ci sarebbe un dubbio anche per Steve Taylor: l’americano ha accusato problemi alla schiena, ma in società neanche ne vogliono più parlare degli infortunati e dei problemi perché, davvero, tanta sfortuna per una sola squadra sembra davvero troppa.


Le problematiche
In un quadro assai deprimente, stona anche la multa di mille euro arrivata alla Npc per essersi presentata in 6 all’ultima gara di campionato. «L’importo è stato già addebitato, ma ormai non ne voglio più neanche parlare» ha spiegato ieri il presidente Giuseppe Cattani, ormai tra lo sconcertato e lo scoraggiato per ciò che accade alla sua società. «Abbiamo spiegato come stanno le cose – dice Cattani – e lo metteremo a referto anche per quest’altra gara, sperando di non avere altre sanzioni. Noi abbiamo 4 giocatori positivi al Covid, 4 infortunati con tanto di referto e non possiamo aggiungere gli juniores che hanno meno di 4 anni di formazione. Non so neanche chi mandare in Sicilia mercoledì». A rischio, quindi, ci sarebbe anche la trasferta di Capo d’Orlando.

La multa arrivata alla Npc, i problemi legati alle ultime sfide e, soprattutto, il rumorosissimo silenzio in cui si sono trincerati i vertici della Lega (nemmeno una parola da parte del presidente Pietro Basciano) hanno scatenato le ire dei tifosi. Dopo essersi fatti sentire sui social, i tifosi si sono dati appuntamento oggi alle 15.30 fuori dal PalaSojourner per manifestare contro le istituzioni. «Se ne sta andando anche quella poca voglia che era rimasta di continuare. In questo momento dell’anno avremmo voluto parlare d’altro, invece ci dobbiamo occupare di queste problematiche» ha aggiunto Cattani, anche se poi il presidente ha tirato fuori lo spirito guerriero concludendo: «Ci stiamo comunque preparando al meglio per il 23. Ci giocheremo tutto ai playout, magari sperando di trovare anche un rinforzo».


Il coach
A restare concentrato sull’obiettivo salvezza è anche il coach Alessandro Rossi. Impossibile parlare della gara odierna in termini tecnici, con l’allenatore che ha spiegato: «Avremo la stessa situazione di mercoledì scorso, non cambierà molto se si pensa che Piccoli si è fatto male dopo 2’. Cercheremo di allenarci al meglio sempre in vista dei playout. Certo, non sarà facile gestire ancora più di un quarto in soli 4 uomini, ma ci teniamo a dimostrare ancora la nostra serietà e il nostro valore e lo faremo fino alla fine».


Così in campo
Kienergia Rieti: 13 De Laurentiis, 14 Ponziani, 25 Taylor, 33 Pepper, 93 Nonkovic. All. Alessandro Rossi.
Agribertocchi Orzinuovi: 3 Rupil, 6 Miles, 8 Mastellari, 11 Guerra, 12 Galmarini, 30 Negri, 32 Zilli, 45 Spanghero, 47 Fokou, 88 Hollis. All. Fabio Corbani.
Arbitri: Rudellat (Nu), Martellosio (Mi), Bonotto (Ra).

Domenica 9 Maggio 2021, 10:39
© RIPRODUZIONE RISERVATA